L’Aquila, Notte Europea dei Ricercatori il 25 settembre

10 ANNI DI RICERCA E UNA NOTTE INDIMENTICABILE

Venerdi 25 settembre dalle 11,00 del mattino a notte inoltrata nel centro storico dell’Aquila si festeggia la Notte Europea dei Ricercatori che celebra quest’anno il decimo anniversario con una maratona di eventi in circa 300 città europee. In Abruzzo è rappresentato dall’Università degli Studi dell’Aquila da LNGS E GSSI

La Notte Europea dei Ricercatori a Perugia, Ancona e L’Aquila si chiama:

SHARPER – Sharing Researchers’ Passions for Excellence and Results.

Un appuntamento che per la seconda volta a L’Aquila e avvicina grande pubblico e mondo della ricerca, una festa in cui intrattenimento e informazione si mescolano e creano attività dedicate a scienza, innovazione e tecnologia e alla passione per la ricerca in genere.

SHARPER racconta il desiderio che accomuna ricercatori e cittadini di raggiungere risultati di eccellenza che migliorino la qualità della vita di ognuno. SHARPER racconta le passioni comuni a ricercatori e pubblico e attraverso queste passioni crea un’occasione d’incontro e conoscenza del mondo della ricerca.

La ricerca dell’eccellenza condivisa con tutti i cittadini è il filo conduttore di un nutrito programma di appuntamenti divulgativi che contemporaneamente di svolgeranno in tre città con collegamenti al mondo italiano e internazionale della ricerca.

Un insieme di spettacoli, incontri e caffè scientifici, performance tra arte e scienza, giochi di ruolo e appuntamenti conviviali animati da ricercatori ed esperti comunicatori.

L’evento si rivolge a tutti i cittadini che grazie a SHARPER hanno l’occasione di confrontarsi con le sfide dell’innovazione e l’impatto della ricerca sulla società. SHARPER si rivolge inoltre ai giovani studenti appassionati di scienza e tecnologia che desiderano conoscere il mondo della ricerca come possibile percorso professionale.

Tra gli eventi segnaliamo:

WALKING THROUGH HISTORY TOWN

Giovani ricercatori e professori duetteranno con Buccio di Ranallo, autore della “Cronaca aquilana” del 1300, in una passeggiata simbolica e reale su alcuni punti fondanti che riguardano la Storia della città.

I cittadini potranno assistere a questi duetti/duelli venerdì 25 settembre in occasione della “Notte Europea dei Ricercatori” in due diversi appuntamenti (h 19.00; h 21.00) nell’affascinante cornice di Palazzo Cappa, da poco ritornato al suo antico splendore.

A sei anni dal devastante terremoto che ha distrutto il cuore della città, i partecipanti all’evento scopriranno il sorprendente retaggio storico dell’Aquila, grazie al binomio tra arte recitativa e ricerca scientifica: un attore teatrale interpreterà il primo storico e cronista aquilano, Buccio da Ranallo, fonte preziosa per le sue opere dalla fondazione dell’Aquila al XIV secolo.

L’attore, in aquilano del Trecento, farà raccontare al cronista alcuni passi fondamentali riguardanti la storia della città e, a turno, diversi docenti e ricercatori dell’Ateneo dialogheranno con Buccio, sfatando miti, confermando dettagli storici o narrando passi ancora poco conosciuti della secolare storia della nostra città, esponendo al grande pubblico le ricerche che da anni l’Università conduce sul territorio, anche per i secoli successivi.

Si tratterà di due lezioni itineranti che avranno luogo in alcuni siti storici della città.

I docenti coinvolti e gli argomenti trattati saranno i seguenti:

Marta Guagnozzi (Storia dell’Arte Medievale): La facies celestiniana di Collemaggio.

Fabio Redi (Archeologia Medievale): Le fasi costruttive di Collemaggio.

Francesco Zimei (Storia della Musica): La figura dei giullari nel medioevo.

Stefano Boero (Storia Moderna): Dentro e fuori i conventi tra sacro e profano.

Alfonso Forgione (Archeologia Medievale): La presunta distruzione dei castelli e la nascita della città angioina

Martina Di Massimo (Storia dell’Arte Medievale): La comunicazione nel medioevo e gli affreschi di Bominaco

Luca Pezzuto (Storia dell’Arte Moderna): Il monumento funebre di Amico Agnifili nel duomo dei Santi Massimo e Giorgio

Silvia Mantini (Storia Moderna): La notte nel rinascimento

I ricercatori stanno consegnando al futuro il nostro passato!

POP-UP-SHOP: FAI SHOPPING CON LA RICERCA

“I negozi della ricerca” arrivano tra la gente. Venerdì 25 settembre a partire dalle ore 11:00 presso il Palazzetto dei Nobili in Piazza dei Gesuiti saranno allestiti 25 shops in cui verranno proposte ed illustrate tematiche di ricerca in vari ambiti che abbracciano differenti discipline come la fisica, la chimica, l’ingegneria, la medicina, la biologia, le neuroscienze, l’informatica e la psicologia. Ricercatori dell’università saranno a disposizione del pubblico per descrivere le ricerche e rispondere alle domande di tutti gli interessati. Gli argomenti trattati saranno: “… Chi ha paura del dentista?..”, “La biodiversità vegetale attraverso i semi”, “Percorso per conquistare il benessere psicofisico”, “Live painting-divertirsi con gli OGM”, “Apparati ed organi del corpo umano”, “La Chimica spettacolare”, “La Chimica Analitica e lo Zafferano”, “Riproduzione Umana e stile di vita”, “Laboratorio di Cartografia Cartolab”, “Come nasce un libro: un percorso didattico dall’editore alla libreria”, “Laboratorio di Archeologia”, “Mondi virtuali opensource e robotica cognitiva”, “La Matematica attraverso giochi e applicazioni”, “CARE-me e iCARE: due soluzioni di Smartly per migliorare la qualità della vita”, “L’Acqua e l’Uomo”, “Interazioni di strutture tipiche dell’ingegneria civile con l’ambiente”, “More electric motors for sustainable mobility”, Il campo magnetico”, “Estraiamo il nostro DNA”, “L’Alimentazione quale strategia di salute per l’ individuo e l’ambiente”, “Una finestra sul sistema immunitario”, “Conoscere il territorio attraverso lo studio della biodiversità animale”, “SO QUEL CHE GUARDI”: gioco di sguardi, ma anche strumento valutativo”, “Il mondo delle scienze dell’Atmosfera-Cetemps”, “Neo o melanoma…questo è il dilemma?”…Alla scoperta delle mutazioni genetiche che sono alla base del melanoma cutaneo”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *