L’Aquila, mostra fotografica “L’Aquila silenziosa” dal 5 al 12 aprile

L’aquila Silenziosa – Silent L’aquila, mostra fotografica di Marco Equizi dal 5 al 12 aprile 2014 al MU.SP.A.C. Piazza d’Arti. Inaugurazione: sabato 5 aprile ore 17,30, orari: da martedì a sabato 10:30 – 13:30 / 16:30 – 20:30. Il Progetto: L’Aquila Silenziosa è un progetto che nasce in agosto, per caso. Vuole documentare il “letargo” della città, interdetta alla normale vita dei suoi residenti, isolata da una barriera più forte delle sue possenti mura.

Dopo ogni disastroso evento sismico, come è accaduto anche nel 1703, il capoluogo d’Abruzzo ha vissuto lunghe pause, in attesa della ricostruzione. In ogni epoca, vie e piazze sono rimaste deserte, senza che anima viva passasse tra di esse: “Quando, dopo anni, furono riparati i danni riparabili, ricostruito il ricostruibile, sostituito il distrutto, L’Aquila fu un’altra città: fiorì il barocco e i resti medievali e rinascimentali affiorarono solo qua e là”(*).

L’obiettivo grandangolare riprende quiete e desolazione in diversi punti della città, fingendosi tanti occhi aperti in un’unica, lunga, notte d’estate; sottolinea l’assenza di persone, così come di autovetture e motocicli. I fontanili proiettano le loro ombre sui palazzi danneggiati e messi in sicurezza da tiranti e puntelli, l’acqua però non scorre nelle vasche e, nei campanili delle chiese, non si scorgono le campane. C’è solo un avvolgente silenzio e qualche lieve e isolato scricchiolio: è come il fotogramma di un home video, bloccato in pausa fino a quando lo spettatore non si deciderà a premere di nuovo il tasto “play”.

Alcune immagini mostrano linee di entrata e punti di fuga, altre nascondono indizi di geometria; alberi e lampioni spezzano la continuità spaziale di opere architettoniche di diversi stili ed epoche. Tutte, però, vogliono mostrare l’anima di L’Aquila, città immota dove, quattro anni fa, morivano sogni ed esistenze; nei suoi angusti vicoli e nelle sue piazze non si percepisce alcun segno di vita, ma cresce uno stato d’animo: la spasmodica, ansiosa attesa di un nuovo inizio.

 

L’Autore:

Nato a L’Aquila nel 1978, avvocato dal 2009, Marco Equizi si appassiona alla fotografia appena ventenne, durante gli studi universitari.

Seguendo il consiglio di un fotografo professionista, inizia a scattare con una reflex a esposizione manuale, nonostante il mercato già offra corpi a elevata automazione; studia quindi, da autodidatta, le opere e le tecniche di artisti come Ansel Adams e delle firme della National Geographic Society, quali James L. Stanfield, Jodi Cobb e Steve McCurry.

Nel 2009, terminato il percorso di studi con l’abilitazione professionale forense, si dedica nel tempo libero alla fotografia digitale, riprendendo quanto appreso e affinando le sue capacità, appassionandosi al minimalismo, scattando con poca luce o in notturna.

Nel 2012, alcuni suoi scatti realizzati nel centro storico di L’Aquila compaiono sul n. 23 della rivista MU6. Nel 2013 alcune sue fotografie vengono selezionate, insieme ad altri due autori, Cristian Nuvolone e Andrea Del Cotto, per realizzare l’opera “L’Aquila da Amare”.

L’Aquila Silenziosa è la sua prima mostra fotografica.

 

(*) Luigi Lopez, L’Aquila – Panorama Storico in L’Aquila Città del Novantanove – nella storia e nell’arte – Tazzi Editore.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *