L’Aquila, mostra dedicata alla città e al suo circondario dal 7 al 10 gennaio

Nel suggestivo spazio del Museo Venanzo Crocetti di Roma (via Cassia 492) viene ospitato, dal 7 al 10 gennaio 2015, l’omaggio e la dedica alla città dell’Aquila ed il suo circondario (oltre 140 artisti), che si snoda attraverso una variegata composizione di altrettante miniopere che qualificano la rassegna anche sul piano artistico con indiscusse presenze italiane ed internazionali.

In un salone attiguo una piccola scultura bronzea “terremoto”, del maestro abruzzese Crocetti, autore di opere costituenti pietre miliari della scultura contemporanea italiana, come un portale della Basilica di San Pietro in Vaticano, fa da preludio, in questa occasione, ad un evento mosaicale straordinario sia nella sua concretezza formale, dei diversi linguaggi che si compendiano, che per il risultato descrittivo in perfetta linea con le finalità proposte. Linguaggi diversi che, per Alessandro Piccinini, ideatore dell’evento, fanno sì che libertà e convivenza rispondano ad una urgenza narrativa da cui traspare la vigoria di un dialogo tra l’atto formale con l’effetto estetico della rappresentazione del “bello” e del “bene”.

La composita orchestrazione comprende, anche come ritrovamento della storia e della vita, un reparto documentario articolato in due sezioni fotografiche parallele- L’Aquila Sotto e L’Aquila Sopra- di fotografi professionisti e del Gruppo Speleologico del Cai dell’Aquila.

All’interno della programmazione uno spazio particolare è riservato al concerto del fisarmonicista classico aquilano Stefano Sponta ed alla lettura di poesie inedite per L’Aquila composte dai poeti contemporanei.

Gli incontri,coordinati da Laura Turco Liveri e da Alessandro Piccinini, prevedono interventi di Ennio Calabria, Anna Iozzin e Ida Mitrano.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *