L’Aquila, “la lezione – concerto” BACH SECONDO REBECA FERRI il 13 febbraio

Un appuntamento dedicato al rapporto fra musica, musicologia, nuove prassi esecutive e scienza quello di sabato 13 febbraio che si terrà alle ore 18,00 presso il Ridotto del Teatro Comunale nell’ambito della 41° stagione concertistica dell’Istituzione Sinfonica Abruzzese: ne saranno protagonisti la violoncellista italo-tedesca Rebeca Ferri, il musicologo e clavicembalista Andrea Coen, il direttore artistico dell’ISA, Luisa Prayer, ed eccezionalmente il professor Eugenio Coccia, direttore del Gran Sasso Science Institute dell’Aquila e fisico di fama internazionale, esponente ai massimi livelli della scuola italiana di fisica.

“Bach secondo Rebeca Ferri” è il secondo appuntamento del ciclo “La Lezione concerto” all’interno della stagione ISA: una serie di concerti preceduti da un incontro di approfondimento, che vuole offrire al pubblico l’occasione di un rapporto più diretto con i musicisti e le loro idee in tema di interpretazione.

Il tema della serata è l’illustrazione di uno degli aspetti più innovativi della recente storia del concertismo: Andrea Coen, sollecitato dalle domande del direttore artistico dell’ISA, illustrerà al pubblico come è nato il movimento musicale e scientifico che ha portato al recupero e all’uso sempre più frequente e consapevole degli strumenti antichi nella pratica concertistica, e come questo abbia rivoluzionato il modo di eseguire gli autori del Seicento e del Settecento, decretando il successo internazionale di una nuova generazione di interpreti.

In questo caso si parlerà in particolare dell’interpretazione di Bach, che per primo valorizzò il violoncello in quanto strumento solista: con Rebeca Ferri si scopriranno i segreti della liuteria antica e quali differenze e nuove genera nella esecuzione musicale suonare uno strumento d’epoca. Ed essendo Bach, allo stesso tempo, uno degli autori attraverso i quali si può maggiormente indagare il rapporto tra musica e scienza, per tutti gli aspetti matematici e formali che sottendono alla sua scrittura, la serata si arricchirà della presenza di una importantissima personalità del mondo scientifico, il prof. Eugenio Coccia, insigne fisico, direttore all’Aquila del Gran Sasso Science Institute, uno dei centri d’eccellenza in Italia per la formazione di matematici, fisici, informatici ed urbanisti, con i suoi corsi universitari di post-dottorato. Il Prof. Coccia sarà protagonista di una breve digressione, durante la quale presenterà al pubblico le ultimissime grandi novità della ricerca sulle onde gravitazionali, un successo che ha visto in prima fila i centri di ricerca del nostro Paese. Durante la prima parte della serata, Rebeca Ferri eseguirà due Ricercari di Domenico Gabrielli, uno dei primi autori di musica per violoncello solo. A conclusione dell’incontro, la Ferri eseguirà la celebre meravigliosa Seconda Suite per violoncello in re minore BWV 1008 di Johann Sebastian Bach.

La violoncellista italo tedesca Rebeca Ferri, esperta interprete del repertorio barocco, molto attiva in Germania, membro di numerosi ensemble di musica antica, ha pubblicato per le maggiori etichette (Opus 111, Glossa, Sony, Deutsche Harmonia Mundi, Carus, Brilliant, Tactus, Amadeus, Eloquentia, Dynamic). Suona un violoncello di André Mehler da Martinus Kaiser (Venezia 1679) e un violoncello di liuteria inglese dei primi anni del ‘700.

Il musicologo e clavicembalista Andrea Coen, docente di Clavicembalo e tastiere storiche presso il Conservatorio “A. Casella” dell’Aquila, dopo anni di approfonditi studi e ricerche sulle tecniche esecutive della musica rinascimentale, barocca e classica, ha intrapreso una carriera concertistica internazionale esibendosi come solista di clavicembalo, organo e fortepiano e in diverse formazioni cameristiche e complessi vocali, collaborando con artisti e gruppi di primo piano.

Il professor Eugenio Coccia, è Direttore della Scuola internazionale di dottorato “Gran Sasso Science Institute” dell’Aquila e professore ordinario di Fisica Sperimentale all’Università degli Studi di Roma Tor Vergata. La sua attività ricerca riguarda soprattutto il campo delle onde gravitazionali, attività per la quale ha ottenuto riconoscimenti internazionali.

INFO: Per tutte le informazioni sulla stagione e sul concerto è possibile consultare il sito www.sinfonicaabruzzese.it o contattare il numero 0862.411102 e scrivere all’indirizzo info@sinfonicaabruzzese.it

PREZZI BIGLIETTI: Intero 10 Euro; Ridotto 5 Euro per giovani fino a 26 anni, studenti e possessori di SinfoniCard.

 

Bach Secondo Rebeca Ferri

conducono Andrea Coen e LUISA PRAYER

Con la partecipazione straordinaria di

Eugenio Coccia, direttore del GSSI – Gran Sasso Science Institute dell’Aquila

PROGRAMMA MUSICALE

 

Domenico Gabrielli (1659-1690)

Ricercare III in re maggiore

Ricercare VII in re minore

 

Johann Sebastian Bach (1685-1750)

Suite II per violoncello in re minore BWV 1008

Prélude

Allemande

Courante

Sarabande

Menuet I et II

Gigue

 

 

Rebeca Ferri

REBECA FERRI

Nata a Roma, si è diplomata in Violoncello al Conservatorio Santa Cecilia di Roma nel 1998, con Maurizio Gambini. Ha studiato inoltre Flauto dolce con Armando Carideo e Maria De Martini. Dal 1995 ha approfondito lo studio del violoncello barocco con Anner Bylsma, Gerhart Darmstadt, Roel Dieltiens, Balazs Maté, Stefano Veggetti. Nello stesso tempo si è dedicata alla prassi esecutiva della musica da camera, partecipando a corsi tenuti dal Quartetto Borodin, dalla Joseph Martin Kraus-Gesellschaft, da Jesper Christensen, da Reinhard Goebel e da Jordi Savall.

Borsista dal 2000 al 2002 della Fondazione Yehudi Menuhin in Germania, ha studiato, dal 1999 al 2003, con Jaap ter Linden alla Hochschule für Musik Würzburg dove si è diplomata in violoncello barocco. Nel giugno 2007 ha conseguito inoltre, a pieni voti, la Meisterklasse in violoncello barocco presso la Hochschule für Musik und Theater München. Fa parte degli ensemble I Turchini, Gli Incogniti, Academia Montis Regalis, L’Astrée, Ensemble Baroque du Léman, A l’Antica, Concerto Romano, Soavi Affetti, Accademia Ottoboni, Arte Musica, La Selva, Camerata Artemisia, Ensemble 1800 e Main-Barockorchester” e collabora con Freiburger Barockorchester, La Risonanza, Santo Spirito, Collegium Pro musica, Accademia degli Invaghiti, Neue Hofkapelle München e La Venexiana. Ha registrato per Opus 111, Glossa, Sony, Deutsche Harmonia Mundi, Carus, Brilliant, Tactus, Amadeus, Eloquentia, Dynamic.

Suona un violoncello di André Mehler da Martinus Kaiser (Venezia 1679) e un violoncello anonimo inglese dei primi anni del ‘700.

 

 

Andrea Coen

Eugenio Coccia

Si è laureato in Musicologia presso l’Università La Sapienza di Roma e ha conseguito il Diploma di Clavicembalo presso il Royal College of Music di Londra. Dopo anni di approfonditi studi e ricerche sulle tecniche esecutive della musica rinascimentale, barocca e classica, ha intrapreso una carriera concertistica internazionale esibendosi come solista di clavicembalo, organo e fortepiano e in diverse formazioni cameristiche e complessi vocali, collaborando con notissimi artisti e gruppi. Ha curato la prima edizione critica integrale delle Sonate per strumento da tasto e dei Sestetti di D. Cimarosa, oltre a l’Intavolatura di Ancona (1644) e a molti volumi degli Opera Omnia di M. Clementi. Sta attualmente lavorando alla prima edizione moderna de L’estro poetico-armonico di B. Marcello. È docente di Clavicembalo e tastiere storiche presso il Conservatorio “A. Casella” de L’Aquila, ed è stato invitato dalle Università di Yale, Cornell e Austin – oltre che dal Conservatorio di San Pietroburgo e altre importanti Istituzioni europee – per recital solistici, conferenze e masterclass. Come solista ha suonato recentemente al Fitzwilliam College (Cambridge), al Ravenna Festival, alla Tokyo Opera City e alle Innsbrucker Festwochen. Ha registrato per le etichette Stradivarius, Dynamic, Naïve, EMI, Deutsche Harmonia Mundi, Denon, Musicaimmagine Records e Bongiovanni. Nel 2013 il Cardinale Gianfranco Ravasi lo ha designato quale membro del Gruppo di lavoro per la Musica Sacra del Pontificio Consiglio della Cultura.

 

 

Eugenio Coccia

Direttore della Scuola internazionale di dottorato “Gran Sasso Science Institute” all’Aquila è professore ordinario di Fisica Sperimentale all’Università degli Studi di Roma Tor Vergata. È stato Direttore dei Laboratori INFN del Gran Sasso e Presidente della Società Italiana di Relatività Generale. La sua attività di ricerca riguarda soprattutto la ricerca delle onde gravitazionali, attività per la quale ha avuto riconoscimenti internazionali, come la Medaglia Occhialini dell’Institute of Physics del Regno Unito e la Presidenza del Gravitational Wave International Committee.

Nel 2014 il Presidente del Consiglio lo ha nominato membro del Comitato degli Esperti per la Politica della Ricerca. È stato eletto nel 2015 membro della prestigiosa Academia Europaea

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *