L’Aquila, Isa: al via la seconda parte della Stagione Concertistica il 16 gennaio

L’Istituzione Sinfonica Abruzzese inaugura sabato 16 gennaio alle 18,00 presso il Ridotto del Teatro Comunale all’Aquila la seconda parte della 41° stagione concertistica. 12 concerti da gennaio ad aprile per un programma di ampio respiro, con 10 diversi programmi sinfonici e due appuntamenti della serie delle “Lezioni – concerto”, una novità introdotta dal Direttore artistico Luisa Prayer, inaugurata in novembre da una lezione del M° Michele Campanella su Liszt. Protagonisti dei prossimi concerti i direttori Alessandro Cadario, Fabio Maestri, Massimiliano Caldi, Giampaolo Pretto, Ulrich Windfuhr, Luciano Acocella, Marcello Bufalini e il giovane Giordano Ferranti, i pianisti Maurizio Baglini e Carlo Grante – forse il nome aquilano più importante a livello internazionale, ospite per prima volta della stagione dell’ISA – il chitarrista Marco Salcito, i violinisti Benjamin Baker e Rainer Honeck, Konzertmeister dei Wiener Philarmoniker, la violoncellista Silvia Chiesa, i soprani Elisa Cenni e Valentina Coladonato il Trio Metamorphosi. Una folta schiera di artisti italiani e stranieri di livello internazionale, e programmi di estrema varietà tematica e musicale pubblicata in dettaglio sul sito dell’ ISA: www.sinfonicaabruzzese.it.

Abbonamenti in vendita fino a mercoledì 20 gennaio presso il botteghino del Ridotto dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 15:30 alle 17:30 da lunedì a venerdì e dalle 9.00 alle 11.30 il sabato. Il titolo intero costerà 60 euro, 25 euro il costo del titolo ridotto per studenti, giovani fino a 26 anni e il rinnovo per i possessori di SinfoniCard. Inalterato rispetto alla prima parte della stagione il costo dei biglietti: 10 euro intero, 5 euro ingressi ridotti.

Un concerto della nuova serie “Tutti a teatro!”, apre la seconda parte della stagione: sotto l’accattivante titolo “Storie di Oche, elefanti e fate”, l’Orchestra Sinfonica Abruzzese, diretta Alessandro Cadario, emergente direttore d’orchestra milanese per la prima volta ospite dell’ISA, eseguirà un raffinato programma che include la Sinfonia “Il Signor Bruschino” di Rossini, la Suite “Ma Mère l’Oye” di Ravel e “Histoire de Babar, le petit èlèphant” di Poulenc, nella vivacissima versione per orchestra di Jean Françaix. Sul palco, con l’orchestra, la notissima voce di Milena Vukotic, attrice di teatro, cinema e televisione che al poetico mondo del fantastico per l’infanzia ha regalato indimenticabili interpretazioni.

Si tratta di una nuova tipologia di concerti che porta anche nella nostra regione programmi sinfonici adatti ad un pubblico di tutte le età, iniziativa che testimonia l’attenzione della direzione artistica al mondo dei giovani, dei giovanissimi e delle famiglie, e che offre anche ai più piccoli, in una modalità che possa coinvolgerli appieno, l’emozione di un concerto con l’orchestra. Dalla vivacità della Sinfonia rossiniana Il Signor Bruschino, alle atmosfere incantate ed eleganti dei brani della raccolta di Ravel Ma mère l’Oye ispirati alla raccolta di fiabe antiche i Racconti di Mamma Oca di Charles Perrault, al delicato umorismo della storia dell’elefantino Babar, un classico della letteratura musicale per l’infanzia di Poulenc che tradusse in musica i disegni di Cecile e Jean de Brunhoff, protagonista è l’orchestra, un organismo che respira attraverso la magia e la meraviglia delle sonorità create dalle diverse famiglie di strumenti che la compongono. Milena Vukotic, una delle più grandi attrici italiane e un’artista che ha donato al mondo del fantastico e della poesia interpretazioni di straordinaria originalità, con il garbo e la sensibilità che la contraddistinguono, aprirà le porte di un mondo da “vedere” ad occhi chiusi, come in sogno, attraverso i suoni. Il Maestro Alessandro Cadario, guidando l’orchestra, “cucirà” con il suo gesto un sontuoso abito musicale per le fiabe antiche e moderne del programma.

Questo concerto è stato realizzato in collaborazione con il Conservatorio di musica “A. Casella” dell’Aquila, attraverso il progetto “Esperienza d’orchestra”, che accoglie all’interno dell’orchestra giovani strumentisti selezionati tra i migliori studenti.

Nel mese di gennaio i concerti proseguiranno con due importanti appuntamenti: un concerto dedicato alla memoria del M° Antonellini, nel trigesimo della sua scomparsa, il 23 gennaio, che include la Sinfonia London di Haydn, diretta dal Maestro in occasione del suo primo concerto con la Sinfonica Abruzzese nel 1975; e il concerto sinfonico per il Giorno della Memoria, con musiche di due importanti musicisti, il cui destino è emblematico della fuga dall’Europa cui furono costretti, tra gli altri, anche molti musicisti, a seguito delle leggi razziali tedesche ed italiane: Kurt Weill, di cui si eseguirà per la prima volta, nei programmi dell’ISA, la importante Seconda Sinfonia, e Mario Castelnuovo Tedesco, con i Concerto n. 1 per chitarra e orchestra, solista il chitarrista Marco Salcito

Il dettaglio dei 12 concerti che proseguiranno fino al 16 aprile è consultabile sul sito www.sinfonicaabruzzese.it

Anche in occasione di questo concerto e ancora per tutto il mese di gennaio, sarà possibile aderire all’iniziativa del “biglietto sospeso”, voluta dal Maestro Antonellini e realizzata in suo nome dall’ISA, che ha già raccolto in dicembre molte adesioni. È una iniziativa di inclusione sociale rivolta ai poveri e ai migranti ospiti di varie strutture della nostra Città, che trasferisce alla sala da concerto l’iniziativa del “caffè sospeso”: e per ogni biglietto offerto dal pubblico, l’ISA offrirà un biglietto in più.

 

INFO: Per tutte le informazioni sulla stagione e sul concerto è possibile consultare il sito www.sinfonicaabruzzese.it o contattare il numero 0862.411102 e scrivere all’indirizzo info@sinfonicaabruzzese.it

PREZZI BIGLIETTI: Intero 10 Euro; Ridotto 5 Euro per giovani fino a 26 anni, studenti e possessori di SinfoniCard.

 

1.Concerto in abbonamento

Sabato 16 gennaio, ore 18

L’Aquila – Ridotto del Teatro Comunale

 

Serie “TUTTI A TEATRO!”

STORIE DI OCHE, ELEFANTI E FATE

G. Rossini Signor Bruschino- Sinfonia

M. Ravel Ma mère l’oye

F. Poulenc Histoire de Babar (arrangiamento per orchestra di J. Françaix)

 

Milena Vukotic, voce recitante

Alessandro Cadario, direttore

ORCHESTRA SINFONICA ABRUZZESE

 

Concerto realizzato in collaborazione con il Conservatorio di musica “A. Casella” dell’Aquila

Progetto “ESPERIENZA D’ORCHESTRA”

 

Cv artisti

 

MILENA VUKOTIC, voce narrante

Nata a Roma da padre jugoslavo commediografo e da madre italiana, pianista e compositore, ha seguito gli studi artistici a Londra, Vienna e, in seguito, a Parigi, dove ha studiato pianoforte, danza e recitazione e ha vinto il primo premio per la danza al Conservatoire National de Musique. Dopo una breve esperienza nel corpo di ballo dell’Opéra, ha fatto parte della compagnia di Roland Petit e, per alcuni anni, della compagnia internazionale Grand Ballet du Marquis de Cuevas con la quale ha girato tutto il mondo.

Tornata a Roma negli anni Sessanta, ha iniziato la carriera teatrale entrando nella compagnia Morelli-Stoppa e lavorando poi con registi come Giorgio Strehler, Franco Zeffirelli, Franco Enriquez, Paolo Poli, Beno Besson.

Quanto all’attività cinematografica, particolarmente intensa con oltre cento titoli all’attivo, ha recitato, tra gli altri, in film di Alessandro Blasetti, Federico Fellini, Alberto Lattuada, Lina Wertmüller, Mauro Bolognini, Ettore Scola, Mario Monicelli, Carlo Lizzani, Dino Risi, Bernardo Bertolucci, Andrej Tarkovskij, Jean-Jacques Beineix, Nagisa Oshima, in ruoli sia drammatici che di genere leggero e comico. Ha interpretato gli ultimi tre film diretti da Luis Buñuel ed è particolarmente popolare per la serie dei Fantozzi con Paolo Villaggio. Tra gli ultimi lavori importanti, nel 2003 ha partecipato a Le seduttrici regia di Mike Barker, nel 2007 a Saturno contro di Ferzan Ozpetek, nel 2009 a Letters to Juliet di Gary Winick, nel 2014 a Noi 4 di Francesco Bruni e La sedia della felicità di Carlo Mazzacurati, interpretazione per la quale è stata inclusa tra le cinque miglior attrici non protagoniste candidate al Premio David di Donatello.

È molto attiva anche in televisione: ha iniziato con Il giornalino di Giamburrasca (1964) di Lina Wertmüller fino alla recente e popolare serie Un medico in famiglia, nella quale interpreta uno dei ruoli principali fin dall’inizio della serie nel 1998.

Nel 2002 le è stato assegnato il “Premio Eleonora Duse” in riconoscimento della sua prestigiosa carriera teatrale, in particolare per le interpretazioni, in quell’anno, di Le donne di Picasso di Brian McAvera, regia di Terry D’Alfonso, e Notte di grazia scendi di Samuel Beckett, diretta da Mario Morini. Nel 2014 ha ricevuto il “Premio Flaiano” alla carriera. Nelle ultime stagioni teatrali, tra le principali interpretazioni sono il dramma Lasciami andare madre regia di Lina Wertmüller con Roberto Herlitzka, il monologo Il piccolo portinaio regia di Walter Manfré, la commedia Le fuggitive con Valeria Valeri e C come Chanel con David Sebasti regia di Roberto Piana. È stata la voce recitante in numerosi lavori, tra cui Pierino e il lupo, Histoire du soldat, Enoch Arden, Babar l’elefantino, con prestigiose orchestre e con i pianisti Filippo Faes, Angela Annese, Giuseppe Bruno, Antonio Ballista, Bruno Canino.

 

Alessandro Cadario

ALESSANDRO CADARIO, direttore d’orchestra

Direttore d’orchestra dal gesto raffinato ed espressivo ha saputo affermarsi per la sua presenza carismatica e le convincenti interpretazioni sia nel repertorio sinfonico che operistico. Nel 2006 debutta al Lincoln Center di New York con grande successo, presentando una delle sue opere per coro e orchestra. Dopo aver vinto il concorso internazionale di direzione d’orchestra “Peter Maag” ha rapidamente attirato l’attenzione internazionale presentandosi come uno dei più interessanti direttori d’orchestra italiani della nuova generazione. Nell’aprile 2015 è stato invitato a dirigere al Teatro Petruzzelli di Bari. Il concerto ha ricevuto ottimi consensi da parte della stampa che ha soprattutto apprezzato l’interpretazione rossiniana: “Stabat Mater: con Cadario è un gran Rossini”. Ha collaborato finora con importanti orchestre fra le quali: Orchestra Filarmonica della Fenice, Orchestra Filarmonica di Monte-Carlo, Orchestra e Coro del Teatro Petruzzelli di Bari, Orchestra e Coro del Teatro Lirico di Cagliari, Concerto Budapest, Cameristi della Scala, Orquesta Juvenil de Caracas, Orchestra I Pomeriggi Musicali di Milano, Orchestra di Padova e del Veneto, Orchestra Filarmonica di Torino, Sofia Festival Orchestra. Ha inoltre collaborato con i solisti Mario Brunello, Vittorio Grigolo, Francesco Manara. Tra gli impegni più rilevanti della scorsa stagione il suo debutto operistico al Maggio Musicale Fiorentino oltre alla direzione di repertorio sinfonico e lirico all’ Arena di Verona, al Teatro alla Scala di Milano, al Teatro Nazionale dell’Opera e del Balletto di Albania e alla Società del Quartetto di Milano. È inoltre collaboratore nella preparazione di FuturOrchestra, Orchestra Giovanile Lombarda, e dell’Orchestra Nazionale del Sistema delle Orchestre e dei Cori Giovanili in Italia, progetto fortemente voluto dal M° Claudio Abbado. Oltre al repertorio classico, Alessandro Cadario rivolge la sua attenzione alla musica contemporanea che interpreta con particolare dedizione vista la sua duplice natura di direttore e compositore. Nella stagione 2013-2014 ha presentato il suo ultimo lavoro sinfonico per attore e orchestra su testi di Rilke presso il Teatro dell’Opera di Darmstadt. Alessandro Cadario ha compiuto gli studi di direzione d’orchestra con il massimo dei voti al Conservatorio G. Verdi di Milano perfezionandosi, con due diplomi di merito, presso l’Accademia Musicale Chigiana di Siena. Ha inoltre conseguito il diploma di violino, la laurea in direzione di coro ed in composizione, entrambe con il massimo dei voti e la lode.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *