L’Aquila, “I Cantieri dell’Immaginario”: HISTOIRE DU SOLDAT l’11 luglio

Piazza Santa Margherita – Il 11/07/2015 ore 21:30

Giorgio Barberio Corsetti, regia

Marcello Bufalini, direttore d’orchestra

con: Emanuela Cichella e Aldo Spahiu e la partecipazione di Dario Iubatti e Giandomenico Cupaiuolo

con: Vanessa Di Cintio violino, Michele Ginestre trombone

con la partecipazione di Mayra Pedrosa contrabasso, Gianluca Sulli clarinetto, Pierluigi Tomassetti percussioni, Michele Pancotto tromba, Massimo Martusciello fagotto

Enrico Angelozzi maestro collaboratore al pianoforte

 

Storia da leggere, recitare e danzare in due parti, è un’opera da camera composta da Igor Stravinskij nel 1918 su libretto in francese di Charles-Ferdinand Ramuz. Si tratta di un intreccio teatrale che comprende dei balletti, una musica da camera e un racconto ispirato al mito di Faust. Lo spettacolo è composto da vari elementi, ognuno dei quali si avvale della collaborazione di studenti di varie discipline.

 

l’Histoire è una favola sulla vita e sulla morte, sulla guerra e sull’arte, malinconica e poetica, con una musica potente e struggente. Il contrasto nell’opera si esprime attraverso la musica aulica, che si oppone all’aspetto materialistico del denaro e della vita quotidiana, la perdita inesorabile dei legami d’origine, la vita e la morte, sulle note della musica classica. Il diavolo è la figura che meglio incarna questo bipolarismo: la perdita del bene e la nostalgia di esso attraverso l’innamoramento della musica (il violino).

 

Lo spettacolo contiene numerosi elementi simbolici legati alla fiaba russa, nonostante si tratti di un copione di derivazione francese di Charles-Ferdinand Ramuz.

 

Sia per la preparazione dei costumi e degli oggetti scenici i miei collaboratori (che ho voluto fossero gli artisti di officine K) si sono avvalsi della collaborazione di apprendisti scenografi, pittori, grafici, grafici dell’animazione, provenienti dall’Accademia delle Belle Arti di L’Aquila.

 

Giorgio Barberio Corsetti

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *