L’Aquila, festa per il settantesimo anniversario della liberazione della città il 13 giugno

Venerdi’ 13 giugno, in occasione del 70esimo anniversario della Liberazione della Citta’ dell’Aquila, avvenuta il 13 giugno 1944, il Comune – informa una nota dell’ufficio stampa – ha predisposto una serie di iniziative, in collaborazione con l’Istituto abruzzese di Storia della Resistenza e dell’Italia contemporanea, con il Club alpino italiano (Cai), con l’Associazione nazionale Partigiani d’Italia

(Anpi) e con il Parco nazionale Gran Sasso e Monti della Laga, Alle ore 10, in via Antonio Panella, nell’area verde antistante la Questura, avra’ luogo la messa a dimora dell’Albero della Rinascita. Alle 11, in piazza Palazzo, il sindaco dell’Aquila Massimo Cialente, deporra’ una corona dinanzi alla lapide che ricorda la liberazione della citta’, posta sulla facciata di Palazzo Margherita, Residenza Municipale fino alla data del sisma. A seguire, l’aula consiliare “Tullio De Rubeis”, nella sede comunale di Villa Gioia, ospitera’, alle ore 11.30, l’esecuzione dell’Inno di Mameli, a cura dell’Orchestra di Fiati del Liceo Musicale dell’Aquila, diretta dal maestro Pierangelo Cavalieri. Subito dopo lo storico Walter Cavalieri terra’ un intervento sulla liberazione della citta’ e verra’ presentato il volume “Percorso memoria natura”, a cura del professor David Adacher, segretario dell’ Istituto abruzzese di Storia della Resistenza. Alle 17, infine, sempre nell’aula consiliare di Villa Gioia, presentazione del libro “Quel giorno di luce e calor. A settant’anni dalla liberazione dell’Aquila – Il prima, il durante e il dopo del 13 giugno 1944”, saggio storiografico a cura dello studioso Errico Centofanti. Interverranno il sindaco Cialente, il segretario della sezione aquilana dell’Anpi Fulvio Angelini, il professor David Adacher, l’avvocato Giampiero Berti de Marinis e l’assessore comunale alla Cultura Betty Leone. Tutte le iniziative – conclude la nopta – vedranno la presenza delle massime autorita’ militari, civili e religiose.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *