L’Aquila, eventi multiculturali “L’Aquila sono anch’io” dal 4 al 6 gennaio

Dal 4 al 6 gennaio eventi multiculturali con “L’Aquila sono anch’io”, un programma di incontri, musica, proiezioni e giochi multiculturali sui temi dell’integrazione e dell’infanzia e che culminerà il 6 gennaio con il conferimento della cittadinanza onoraria ai bambini nati a L’Aquila e figli di immigrati regolari residenti in città.

Il progetto, dell’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune dell’Aquila è inserito nel cartellone degli eventi natalizi “Natale all’Aquila insieme” ed è stato realizzato con il contributo delle associazioni aquilane Action Aid, Associazione Arti e Spettacolo, Associazione Bibliobus, Associazione Koinonia, Associazione L’Aquila in Comune, Associazione L’Aquila per la vita, Centro Servizi Stranieri, Comitato Provinciale Unicef per L’Aquila, Comitato Territoriale Arci L’Aquila, Coordinamento Ricostruire Insieme, Istituto Comprensivo “ Gianni Rodari”, Libera.

Molto articolato il cartellone.

Si parte sabato 4 gennaio all’Auditorium Gran Sasso Science Institute (ex I.S.E.F.) alle ore 18.00 (ingresso gratuito), con la proiezione del film “La prima neve”, recentemente presentato a Venezia nella sezione Orizzonti. Dopo il film è previsto l’incontro con il regista Andrea Segre, che si fa promotore del progetto “La prima scuola” con il quale intende porre la scuola elementare italiana al centro delle questioni nazionali. Sempre il 4 gennaio all’Auditorium Conservatorio “A. Casella” alle ore 21.00 (ingresso gratuito) è previsto il concreto Piccola bottega Baltazar, l’ensemble che ha realizzato le musiche del film “La prima neve”.

Domenica 5 gennaio in Piazza Duomo dalle ore 9.00 alle 19.00 sarà allestito lo “stand solidale”. Gli artisti Daniele Bros, Lea Contestabile e Sergio Nannicola hanno realizzato opere ispirate alla pianta della città dell’Aquila poi ridotte in “frammenti”, come fossero tessere di un ideale mosaico. Nello stand, gestito dall’Associazione Arti e Spettacolo, ActionAid e L’Aquila per la Vita e Libera, i frammenti delle opere donate dagli artisti saranno in vendita e i proventi saranno utilizzati per i progetti delle associazioni sulla città. Chi acquisirà le tessere sarà parte di una rete di persone, ideali custodi di “pezzi” della città, con le quali attivare successivamente percorsi di partecipazione alla ricostruzione sociale e materiale del territorio. Nei pressi dello “stand solidale” sarà allestito uno spazio “aperto” performativo. In piazza San Bernardino dalle 11.00 alle 20.00 si alterneranno tre eventi. Bibliobus propone “Fiabe per tutte le lingue”. Saranno distribuiti gratuitamente libri per i cittadini, organizzando interventi di lettura bi-lingue di fiabe per bambini, attraverso il coinvolgimento delle comunità di stranieri presenti all’Aquila. L’Arci presenta “La biblioteca vivente: libri parlanti raccontano le loro storie”, con i ragazzi, beneficiari del progetto SPRAR che racconteranno le loro storie. Infine, a cura dell’Associazione Koinonia, con il coinvolgimento dei beneficiari del Progetto SPRAR, si terrà “Giochi da tutto il mondo: baby park”. All’interno della “Casetta degli Alpini” a San Bernardino si svolgeranno attività ludiche per i bambini secondo le tradizioni di differenti contesti culturali e geografici.

Alle ore 21 all’Auditorium del Parco ci sarà il Concerto dell’orchestra di giovani Young music@are ensemble.

La cerimonia clou si svolgerà lunedì 6 gennaio all’Auditorium del Parco, alle ore 11. Sarà conferita la cittadinanza onoraria ai figli di immigrati regolari residenti a L’Aquila, alla presenza dei rappresentanti delle Istituzioni locali. Tutte le famiglie di stranieri residenti a L’Aquila con minori nati in Italia saranno invitate alla cerimonia. Ogni invito sarà accompagnato da una copia della Costituzione italiana, scritta in dodici lingue diverse, già promossa e realizzata da Arci con il Ministero della Solidarietà Sociale. “BAMBINI IN CORO”. Nel corso della cerimonia, un coro di bambini dell’Istituto Comprensivo “Gianni Rodari” eseguirà canzoni di vari Paesi, a compimento del percorso di laboratorio musicale avviato con la collaborazione di ActionAid.

Soddisfatta l’assessore alle Politiche Sociali del Comune dell’Aquila Emanuela Di Giovambattista: “Il conferimento della cittadinanza onoraria è un segnale forte che questa amministrazione vuole dare ai minori stranieri nati in Italia, con la speranza di poter sensibilizzare tutti i cittadini su un argomento di grande attualità e profonda civiltà: il riconoscimento dello ius soli. L’Aquila sta diventando sempre più una città multietnica e la ricostruzione materiale e sociale non può prescindere dall’accoglienza e dalla multiculturalità che noi consideriamo come segno di vero arricchimento. Temi che hanno ispirato l’intero programma degli eventi. Ringrazio tutte le associazioni che hanno reso possibile l’organizzazione degli eventi e che hanno collaborato con il Comune nella realizzazione di questo progetto che spero sia una grande festa per tutta la Città.”

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *