L’Aquila, concerto del pianista ANDRAS SCHIFF il 15 gennaio

Per la prima volta si esibisce a L’Aquila, ospite nella settantesima stagione della Società Aquilana dei Concerti “B. Barattelli” il pianista András Schiff, considerato uno dei massimi interpreti nel mondo.

Un recital speciale per L’Aquila. Infatti, quando nel 2009 il Maestro Schiff fu a conoscenza dei tragici eventi, dette la sua disponibilità ad esibirsi per questa città, come altri grandi hanno fatto (ricordiamo per esempio il pianista Maurizio Pollini).

Finalmente l’atteso concerto trova la sua realizzazione, venerdì 15 gennaio 2016 presso l’Auditorium “Gen. S. Florio” della Scuola Gurdia di Finanza, con inizio alle ore 19.

András Schiff, nato a Budapest nel 1953, ha iniziato lo studio del pianoforte a cinque anni sotto la guida di Elisabeth Vadász per poi entrare alla prestigiosa “Ferenc Liszt” Academy, dove ha avuto modo di perfezionarsi con Pál Kadosa, György Kurtág e Ferenc Rados e, successivamente, con George Malcolm a Londra. Fra le curiosità, si ricorda la fondazione di una sua orchestra con sede a Vicenza, la Cappella musicale Andrea Barca, giocando sulla italianizzazione del suo nome e costruendo un vero e proprio alias italiano, un musicista toscano settecentesco, del quale ha addirittura inventato un’intera biografia.

In queste ultime stagioni Andràs Schiff sta proponendo al pubblico un ciclo di concerti dedicati interamente alle ultime sonate per pianoforte dei più celebri compositori di tutti i tempi.

A L’Aquila eseguirà quelle dei classici viennesi Mozart, Beethoven, Haydn e Schubert. Un confronto fra le “ultime”, un’idea che vuole significare come una “ultima” opera sia fondamentale per comprendere il punto di arrivo artistico, spesso inconsapevole, di un autore e il punto di partenza del suo ideale successore. Le quattro Sonate saranno eseguite quasi senza soluzione di continuità.

Un concerto straordinario, l’omaggio alla città del pianista András Schiff , uno dei più grandi interpreti viventi.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *