Lanciano, teatro: “Se ci fosse luce” racconta il caso Moro al Fenaroli il 23 marzo

Domenica 23 Marzo 2014 ore 18 Polo Museale S. Spirito, Via S. Spirito, associazione Culturale “L’Altritalia” – Compagnia Teatrale “Il piccolo resto” presentano “Se ci fosse luce” raccontando il caso Moro di e con Marco Bellelli e Gianna Di Donato, Paola Di Diego, Emanuela D’Ortona regia Eva Martelli, assistenza tecnica  Valentina Massari, Armando Minutolo. L’assassinio di Aldo Moro, e dei cinque uomini della sua scorta, rappresenta una delle pagine più drammatiche della storia della nostra Repubblica.

“Vorrei capire, con i miei piccoli occhi mortali, come ci si vedrà dopo. Se ci fosse luce, sarebbe bellissimo”.Cosi scriveva Aldo Moro nella sua ultima lettera, durante la sua prigionia, nell’imminenza del suo assassinio. Anni dopo, Oscar Luigi Scalfaro, Presidente della Repubblica, così commentò gli avvenimenti di quei giorni: “(…) una successione di processi riuscì a raggiungere i responsabili dell’orrendo crimine. Ma le intelligenze criminose, che scelsero, mirarono e centrarono il bersaglio in quel momento politico essenziale, sono comprese in quei processi? E, se no, a quale giudice risponderanno?. Eppure ne risponderanno”. Raccontare il caso Moro nasce dall’esigenza di ricordare il sacrificio delle vittime del terrorismo, ma rappresenta anche il tentativo di “capire”, e di portare un po’ di luce fra le tante zone d’ombra di quella vicenda, ove si celano responsabilità dimenticate e poco conosciute. Biglietti  (€ 5,00) in vendita presso la libreria Barbati, Corso Trento e Trieste 103, 0872 713252.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *