Lanciano, presentazione “Gli angeli non sono tutti bianchi” il 30 ottobre

Un romanzo su un tema di grande attualità che prende spunto dal tragico naufragio avvenuto il 3 ottobre 2013 nei pressi dell’isola di Lampedusa nella quale persero la vita 366 migranti. “Gli angeli non sono tutti bianchi”, opera prima di Francesco Nicolino edito dalla Casa Editrice Rocco Carabba di Lanciano, verrà presentato venerdì 30 ottobre alle 17.30 nella sala convegni del Polo Museale di Lanciano alla presenza dell’autore, docente di storia e filosofia di Vibo Valentia, dello scrittore Remo Rapino, del direttore della Caritas Diocesi Lanciano-Ortona, Luigi Cuonzo e di Carlo Spera della Editrice Carabba. Parteciperà all’incontro Adam, profugo maliano che racconterà la sua esperienza di migrante. Il romanzo, che presenta un testo introduttivo di Pino Scaccia, narra la vicenda di alcuni giovani eritrei che decidono di lasciare il loro villaggio per intraprendere lo straziante e lungo viaggio che li porta sulle coste italiane. “L’Eritrea è una prigione a cielo aperto dove regna un regime militare dispotico – si legge nella nota di presentazione della Editrice Carabba – ogni giorno centinaia di eritrei scappano dal paese nel tentativo di raggiungere le coste nord africane per imbarcarsi verso l’Europa. Molti di loro muoiono nel deserto o annegano durante la traversata del Mediterraneo. Un gruppo di giovani di Agordat, piccola città eritrea, bruciano la frontiera e attraversano le vie della morte, che dal campo profughi di Shagarab passano per Khartoum, i deserti del Sahara e del Sinai sino alle coste libiche. Tra loro Maryam, una ragazza decisa ad attraversare il mare per dare un futuro al bambino che porta in grembo. Con i suoi compagni di viaggio, e altri 500, si imbarca su una nave di trafficanti. Direzione: Italia. Sull’altra riva del Mediterraneo, in Sicilia, a Roccachianea, piccolo borgo sul mare, Filippo, rientrato in paese dal nord Italia dopo aver perso il lavoro, decide di fare il mestiere che era di suo padre e si imbarca come motorista su un peschereccio. Il destino dell’uomo incrocia quello di Maryam quando il barcone su cui si trova la ragazza cola a picco uccidendo 366 persone”. Parte del ricavato della vendita del volume sara’ destinato alla Caritas diocesana Lanciano-Ortona.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *