L’Aquila, ricostruzione: marcia di solidarietà da Roma

L’associazione “Movimento Tellurico. Trekking, ecologia e solidarietà”, in collaborazione con FederTrek, organizza una marcia da Roma a L’Aquila che – come già la “Lunga Marcia per L’Aquila” svoltasi a fine giugno 2012 – si propone di sensibilizzare le istituzioni e l’opinione pubblica riguardo alla ricostruzione dei luoghi devastati dal terremoto dell’aprile del 2009 e in particolare del centro storico dell’Aquila. Ciò non solo per quanto riguarda la riedificazione delle abitazioni, le scuole, etc. ma anche per ciò che concerne la cura delle relazioni umane e la ricostituzione della rete produttiva e sociale delle comunità cittadine disgregate dal sisma.
La “Lunga Marcia per L’Aquila 2013” seguirà un percorso diverso da quello dello scorso anno. Saranno infatti attraversati territori più densamente popolati e che hanno nella loro storia la memoria di devastanti terremoti, come è stato per il sisma di Avezzano che nel 1915 ha raso al suolo la città provocando circa 33.000 morti.
In programma c’è, inoltre, un’altra grande iniziativa di solidarietà che collega le zone sconvolte dal terremoto del maggio 2012 con il capoluogo abruzzese, attraversando i territori che ancora portano i segni di antichi e recenti terremoti come Ancona, Camerino, Nocera Umbra, Assisi Foligno e Norcia. Per questo l’associazione chiede un forte sostegno alle associazioni locali.
Le due iniziative condividono uno scopo:
L’intenzione è, non solo portare a L’Aquila la solidarietà ma anche coinvolgere gli abitanti, le istituzioni e soprattutto le scuole delle città che attraverseremo in un vasto dibattito sulla prevenzione dei danni che sono provocati dai terremoti.
A tale scopo saranno promossi seminari, dibattiti e incontri per diffondere le informazioni sulle tecniche più avanzate di prevenzione antisismica, raccogliere interviste sulle storie e i problemi di chi il terremoto l’ha vissuto sulla propria pelle, raccogliere firme per una petizione popolare per una legge che preveda l’integrale deducibilità dall’imposizione fiscale delle spese effettuate per la messa in sicurezza degli edifici.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *