Giulianova: Festival di Teatro Contemporaneo e Teatro Ragazzi

Il Terrateatro compagnia teatrale presenta il Festival di Teatro Contemporaneo e Teatro Ragazzi, Terre di teatri, vincitore premio Enriquez 2012. Il cartellone va dal 4 Novembre al 16 Dicembre, tutti gli spettacoli sono al Centro Socio-Culturale, quartiere Annunziata (fine Lungomare Sud) di Giulianova con ingresso gratuito.

Venerdi’ 14 dicembre
ore 21.15
E’ consigliata la prenotazione
Info: 3391824676
www.terrateatro.org
Teatro contemporaneo: Euro 5
Teatro Ragazzi: Euro 3

BABILONIA TEATRI di Oppeano (VR)

The End

ciclo: Teatro Ragazzi

Premio Ubu 2011 Miglior Novità Italiana/Ricerca Drammaturgia
Nomination ai Premi Ubu 2011 come Spettacolo dell’anno
di Valeria Raimondi e Enrico Castellani
con Valeria Raimondi, Enrico Castellani, Luca Scotton, Ettore Castellani
Oggi la morte non esiste. Non se ne parla. Non la si affronta, né la si nomina. E’ un tabù.
La morte viene occultata, nascosta. La consideriamo come qualcosa che non fa parte della vita.
La religione cattolica ha le sue responsabilità, ma il nostro modello e stile di vita sposa perfettamente la volontà di rimuovere la questione. Nel momento in cui ci troviamo a diretto contatto con la morte tornano a galla in modo dirompente le nostre paure. Oggi invecchiare come ammalarsi non è consentito. Il mito dell’eterna giovinezza dilaga. Ci stiamo trasformando in un mondo di Dorian Gray. Ci guardiamo e proviamo a fotografarci. A interrogarci sulle ragioni che ci portano a vivere la morte come un corpo estraneo. Violento. Traumatico. Un evento con cui non convivere e non riconciliarci. Incontrare la morte quotidianamente oggi è un eccezione. Ma la regola continua a volerci mortali.
Il modo in cui viene affrontata e trattata la morte oggi è profondamente bruciante e carico di contraddizioni. E’ una combustione lenta e sotterranea, forse per questo più dolorosa e non cicatrizzabile.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *