Giulianova: le ‘visioni metropolitane’ di Enrico Chiappini

La Compagnia dei Merli Bianchi ospita le ‘visioni metropolitane’ di Enrico Chiappini
Secondo week end con l’esposizione del fotografo abruzzese dedicata all’ambiente urbano contemporaneo

Secondo week end con la mostra ‘Le visioni metropolitane’ di Enrico Chiappini, ospitata nella sede della Compagnia dei Merli  Bianchi a Giulianova, in via Matteotti 115 (davanti al Parco Matteotti). L’esposizione resterà aperta al pubblico (l’ingresso è gratuito) sabato 27 e domenica 28 ottobre dalle 16 alle 21.

Docente di ingegneria all’Università de L’Aquila, Chiappini è fotografo per passione e dal 2007 è socio della Federazione Italiana Associazioni Fotografiche. Ventinove gli scatti esposti nella mostra per raccontare, attraverso la scelta di particolari costruttivi e inquadrature, i tratti tipici dell’architettura moderna e dell’ambiente urbano metropolitano. Ambiente dove l’uomo sembra assente ma – come scrive lo storico Sandro Galantini nella presentazione dell’esposizione – in realtà “è cercato, desiderato, quasi invocato come visitatore e spettatore. D’altronde è l’uomo l’artefice delle forme, ed è lui chiamato ad abitare gli spazi costruiti”.

 “Oltre al rapporto con l’ambiente – scrive ancora Galantini – Chiappini propone anche con le sue immagini la tematica dello ‘specchio’, della specularità che rinfrange tutto ciò che è ‘vero’ e che è anche, per converso, ‘non vero’, o che è palese, manifesto e, tuttavia, occulto, segreto alle nostre definitive possibilità di intendimento. Ogni porzione riflettente, allora, può costituire la tessera di un mosaico in cui energica intensità, bellezza, conoscenza e prodigiose visioni tracciano una sorta di mappa di antitesi e tensioni che giungono a dare voce alla contemporaneità e, anche, a quella che potremmo definire il desiderio di una erranza cognitiva. Un invito al viaggio, insomma, alla ricerca di percorsi di senso soggettivo ed intersoggettivo mobili, mutevoli, multiformi nei quali i linguaggi dell’immaginario e quelli della visuale quotidiana si alternano e si fondono”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *