Giulianova, Festival Terre di Teatri ultimi appuntamenti il 12 e il 15 dicembre

Prosegue il Festival Terre di Teatri a Giulianova con il secondo e ultimo appuntamento del cartellone di Teatro Contemporaneo Giovedì 12 DICEMBRE alle ore 21,15 presso la SALA KURSAAL a Giulianova la compagnia calabrese Scena Verticale porta in scena “Italianesi” recitato dal premio Ubu 2012 come miglior attore Italiano, Saverio La Ruina.

ITALIANESI di e con Saverio La Ruina

Premio UBU 2012 “Migliore attore italiano”; Nomination Premio UBU 2012 “Migliore testo italiano”

Premio Enriquez 2012 per la drammaturgia; Premio Antonio Landieri 2012 “Migliore attore”; Menzione speciale al Premio Internazionale Teresa Pomodoro 2012.

Di e con: Saverio La Ruina

Musiche originali eseguite dal vivo: Roberto Cherillo

Disegno luci: Dario De Luca

Esiste una tragedia inaudita, rimossa dai libri di storia, consumata fino a qualche giorno fa a pochi chilometri dalle nostre case. Alla fine della seconda guerra mondiale, migliaia di soldati e civili italiani rimangono intrappolati in Albania con l’avvento del regime dittatoriale, costretti a vivere in un clima di terrore e oggetto di periodiche e violente persecuzioni. Con l’accusa di attività sovversiva ai danni del regime la maggior parte viene condannata e poi rimpatriata in Italia. Donne e bambini vengono trattenuti e internati in campi di prigionia per la sola colpa di essere mogli e figli di italiani. In quei campi di prigionia rimangono quarant’anni, dimenticati. Come il “nostro” che vi nasce nel 1951 e vive quarant’anni nel mito del padre e dell’Italia che raggiunge nel 1991 a seguito della caduta del regime. Riconosciuti come profughi dallo Stato italiano, arrivano nel Belpaese in 365, convinti di essere accolti come eroi, ma paradossalmente condannati ad essere italiani in Albania e albanesi in Italia. Ispirato a storie vere

Domenica 15 DICEMBRE conclude la sezione di TEATRO RAGAZZI al Centro Socio-Culturale Annunziata il Teatro Lanciavicchio, con la più classica delle storie, ma rivisitata e reinventata. “Pinocchio e il diritto a non essere burattino” è un ponte verso le iniziative di Natale ed un alto momento di riflessione per i più piccoli

Ancora una volta TERRE DI TEATRI, pur nelle difficoltà contingenti, rinnova il suo impegno di divulgazione teatrale, sostenuta dall’Ente Comunale che riconosce la singolarità di una iniziativa che resiste e che copre un vuoto dato dall’assenza delle stagioni più ufficiali, dalla Fondazione Tercas e dal BIM. Una dimostrazione di quanto sia importante l’impegno di una compagnia di base come Terrateatro, che continua nei mesi a seguire con tutte le attività legate alla scuola e al sociale. Il festival, riconosciuto lo scorso anno per l’impegno sociale e civile dal prestigioso Premio Enriquez-Città di Sirolo, è l’apice di un percorso artistico che è anche un importante segno di civiltà.

E’ consigliata la prenotazione

Info: 3391824676 – terrateatro.org

POSTI NON NUMERATI

Teatro contemporaneo: Euro 6 – Teatro Ragazzi: Euro 4

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *