Expo: inaugurata la mostra dedicata al Fucino “I tesori dell’ex Lago” fino al 7 ottobre

Si intitola “I tesori dell’ex Lago” ed è la mostra, dedicata al Fucino e al suo territorio, inaugurata venerdì nello spazio “CasAbruzzo” in via Fiori Chiari a Milano, allestito dalla Regione in occasione dell’Expo. L’iniziativa – che continuerà fino al prossimo 7 ottobre – è stata presentata dal Presidente del Consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio, dal Consigliere Segretario Giorgio D’Ignazio, dal Vice Sindaco di Avezzano Nando Boccia e dal Direttore dell’Istituzione Centenario Terremoto della Marsica Sergio Natalia. Alla cerimonia sono intervenuti anche gli studenti degli istituti marsicani che hanno vinto il concorso “Come i giovani immaginano il futuro di Avezzano e della Marsica”, bandito nei mesi scorsi dal Consiglio regionale, in occasione del centenario del sisma del 1915:  Marica Pecce dell’Istituto Superiore “Arrigo Serpieri” di Avezzano; Irina Nicoletta Puie dell’Istituto tecnico per il turismo di Tagliacozzo; Alessandro Del Roscio, Rossella D’Angelo e Davide D’Angelosante dell”Istituto “Maiorana” di Avezzano e Clara Bianchi del Liceo Scientifico di Avezzano. La mostra ripercorre non solo alcuni frammenti del terribile terremoto di 100 anni fa, ma offre anche uno spaccato dei tesori della Marsica: dai Cunicoli di Claudio ad Alba Fucens, passando dal settore agroalimentare di quello che viene considerato “l’orto d’Italia”. “L’identità storica di un territorio è uno dei beni più preziosi da salvaguardare e consegnare alle giovani generazioni – ha sottolineato Di Pangrazio – le radici sono la base e insieme la forza di una comunità. Per questo, come massima Istituzione regionale, abbiamo voluto che nell’ambito delle celebrazioni per il centenario ci fosse uno spazio completamente dedicato ai giovani. Così è nata l’idea del concorso per gli Istituti superiori della Marsica e di premiare i vincitori con un viaggio a Milano, in occasione dell’Expo. Storia, religione, costumi, tradizione, famiglia, arte, cultura, descrivono la dimensione di vita comunitaria che attraverso la condivisione di un sistema di gesti, azioni, situazioni crea consapevolezza identitaria”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *