Un salto nel Medioevo, oltre duemila visitatori per la festa del territorio

Sto caricando la mappa ....

Data
dal 22/05/2016
dalle Tutto il giorno

Luogo
Archi

Categorie


Foto tiro con l'arco Oltre duemila i visitatori provenienti da tutto l’Abruzzo ma anche da fuori regione che hanno partecipato alla prima edizione di “Un Salto nel Medioevo”, l’evento che si è tenuto nel borgo di Archi in occasione della Giornata Nazionale dei Borghi Autentici d’Italia.

“Il bilancio è sicuramente positivo – afferma il sindaco Silvia Spinelli – siamo pienamente soddisfatti non solo della riuscita dell’evento ma anche e soprattutto per aver avuto come nostri ospiti persone provenienti anche dalle regioni limitrofe”. “L’iniziativa di ieri – aggiunge – ha visto come protagonisti cinquantatré borghi autentici d’Italia che in contemporanea hanno festeggiato la loro particolarità e le peculiarità del territorio. E’ sicuramente un evento sul quale puntare e investire in futuro. Il nostro sogno è l’idea di un borgo dove tutti partecipano per rivivere l’atmosfera di un tempo e per festeggiare tutti insieme il nostro territorio”.

L’evento, realizzato con la collaborazione dei volontari della Protezione Civile e dell’associazione culturale “Le Mazzamarielle”, ha visto diversi momenti di intrattenimento tra i quali i combattimenti in armatura, cortei e spettacoli di sbandieratori, tiro con l’arco, falconieri e sfilate, il tutto immerso in un’atmosfera tipicamente medioevale. Grande partecipazione e interesse anche per le visite guidate; è stato l’architetto Leonardo Porreca, profondo conoscitore e appassionato della storia di Archi, ad accompagnare i numerosi visitatori lungo le vie del centro storico e a raccontarne i fatti storici, l’urbanistica, le tradizioni e tutto quanto necessario per far rivivere agli ascoltatori le antiche atmosfere del borgo.

Foto combattimentiMolto apprezzato il menu preparato per l’occasione dalle associazioni del paese composto da pasta e ceci, zuppa di fagioli, cif e ciaf (piatto tipico della tradizione archese), pizze fritte e pizzelle (neole). Oltre ai diversi punti di degustazione allestiti nel centro storico con assaggi di pane con l’olio extavergine di oliva dei produttori locali.

Storia, tradizione ed enogastronomia per una giornata all’insegna del territorio.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: