Pescara, mostra 1956 – 2016. Il bosco dei ricordi: l’altra Marcinelle dal 20 maggio al 10 giugno

Sto caricando la mappa ....

Data
dal 20/05/2016 al 10/06/2016
dalle Tutto il giorno

Luogo
Pescara

Categorie


L’inaugurazione della mostra “1956 – 2016. Il bosco dei ricordi: l’altra Marcinelle” che si terrà il 20 maggio presso la Fondazione Pescarabruzzo (C.so Umberto I, 83). La mostra è stata organizzata dal fotografo Max Pelagatti e dall’associazione “Elle Elle – Lingua e Linguaggi” in vista del sessantesimo anniversario della tragedia di Marcinelle, avvenuta in Belgio l’8 agosto 1956. L’esposizione, infatti, farà tappa anche in Belgio, presso Le Bois du Cazier, a partire dal 07/08/2016. La nostra associazione collabora per ciò che concerne la promozione e l’allestimento della mostra. Sarà un evento importante in cui parteciperanno diverse personalità regionali come potete vedere dalla locandina. Evento 20 maggio 2016 presso Fondazione Pescarabruzzo

Il progetto è ispirato alla vita quotidiana delle famiglie dei minatori italiani, soprattutto abruzzesi, emigrati in Belgio nel secondo dopoguerra. In molti, infatti, furono disposti a lasciare il proprio paese per lavorare nelle miniere belghe. La catastrofe di Marcinelle, in cui persero la vita 262 minatori (di cui 60 abruzzesi), fa luce proprio su questo. Era il 1956 e la nostra regione si trovò a vivere un difficile momento storico che cercheremo di approfondire in occasione di questo evento. Oltre all’inaugurazione della mostra curata da Enrica Buccione, l’iniziativa prevede la presentazione del libro “La nostra Marcinelle. Voci al femminile” di Martina Buccione, entrambe nipoti di una delle vittime di Marcinelle. Attraverso i loro ricordi avremo l’opportunità di mantenere viva la memoria, utilizzando un linguaggio artistico contemporaneo per far presa sulle nuove generazioni. L’obiettivo del progetto è quello di parlare di Marcinelle al di là della tragedia. L’altra Marcinelle, quella quotidiana. Quella che le vedove e le orfane hanno raccontato. Quella dove le famiglie italiane fiorivano e ricominciavano da capo. Per tutte queste ragioni speriamo di poter beneficiare della vostra presenza.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: