Pescara, La fotografia d’arte il 6 maggio

Sto caricando la mappa ....

Data
dal 06/05/2016
dalle 17:30 alle 19:15

Luogo
Pescara

Categorie


Domani, venerdi 6 maggio alle ore 17,30 per la serie di incontri “Attualità culturale in dialogo”organizzati dalla Fondazione Edoardo Tiboni per la cultura e dall’Istituto nazionale di Studi crociani, Marco Presutti e Giovanbattista Benedicenti converseranno sul tema “La fotografia d’arte” prendendo spunto da due saggi molto importanti,  “I grandi fotografi” di Juliet Hacking e “L’invenzione del fotografico. Storia e idee della fotografia dell’Ottocento” di Federica Muzzarelli.

Il primo libro Le vite dei grandi fotografi racconta con bruciante rapidità e in modo coinvolgente le esperienze di vita di trentotto fra le figure piú importanti e influenti dell’intera storia della fotografia, da Ansel Adams a Madame Yevonde. Esaminando la biografia e il percorso formativo di questi artisti, dai risvolti singolari e complessi, nonché il crogiolo sociale, culturale e politico in cui tali visioni del mondo hanno preso forma, Juliet Hacking getta una nuova luce sulla loro opera. Questo originale saggio non fornisce soltanto una maggiore e piú sfumata comprensione di ogni personalità, ma guida sottotraccia il lettore attraverso le innovazioni, i movimenti e gli sviluppi dell’intera storia della fotografia.

Il secondo testo di Federica Muzzarelli suggerisce continui e audaci collegamenti tra passato e futuro, tra Ottocento e Novecento, sviluppando intrecci e soluzioni sorprendenti rispetto a quanto, manualisticamente, si è soliti proporre. Oltre all’individuazione di sottili omologie tecniche capaci di trasformarsi in vere e proprie filosofie fotografiche, come per esempio accade tra carte de visite e photomatic, o convincenti corrispondenze operative, come nel caso della valorizzazione del «banale» che lega la prima Kodak con l’attuale culto della snapshot, la costante ricerca del fotografico che il libro svolge porta all’evidenziazione delle piú significative concettualità del mezzo: dal voyeurismo alla memoria, dall’esibizionismo all’ossessione dell’archivio, dallo specchio alla costruzione dell’immaginario.

 

Ingresso libero

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: