Pescara Calcio a cinque: “Niente alibi, loro fortissimi ma ce la giocheremo alla morte”

Mappa non disponibile

Data
dal 22/04/2016
dalle Tutto il giorno

Categorie


Jesus Velasco e Fulvio Colini, come Armand D’Hubert e Gabriel Féraud, gli irriducibili duellanti di Joseph Conrad, ancora una volta faccia a faccia nell’appuntamento più importante di tutta la stagione, la semifinale dell’UEFA Futsal Cup. Una sfida nella sfida che dà ancora più sapore ad una partita che promette spettacolo e tanta intensità agonistica.

“La nostra rivalità – ha dichiarato il coach pescarese nella conferenza stampa congiunta con il tecnico del Madrid – ha fatto storia in Italia per quasi dieci anni. Tante partite, tutte durissime, a volte ha vinto lui, altre volte ho vinto io ma non è mai mancato il rispetto reciproco, fatta eccezione per qualche piccola scaramuccia in campo. Sono contento di incontrarlo e spero di potermi confrontare con lui per tanti anni ancora a venire perché questo significherebbe continuare a stare al vertice del movimento europeo del futsal”.

Per Velasco ritrovarsi contro Colini è un’aggiunta piacevolmente stimolante ad una partita che si annuncia di grande spessore tecnico e tattico: “Tra noi due, a differenza di quanto sia accaduto con altri allenatori italiani, c’è sempre stato molto rispetto e questo per me è molto importante. La mia squadra, non lo nascondo, è stata costruita per vincere ma so già che sarà durissima riuscire a venire a capo del Pescara di Fulvio Colini. Sarà battaglia, abbiamo i mezzi per vincerla ma dovremo giocare con la giusta accortezza e con una fortissima determinazione”.

Colini non è nuovo a palcoscenici come questo è qualche giornalista gli fa notare che questo potrebbe rappresentare una buona rendita per i biancazzurri: “Mi sono qualificato tre volte per le Final Four anche se in un’occasione sono stato esonerato prima di poterla giocare. Teoricamente questo potrebbe essere un vantaggio se incontrassimo una squadra meno esperta e navigata di quella spagnola. Purtroppo però i nostri avversari sono adusi più di noi a calpestare parquet blasonati e ad affrontare sfide di questa importanza. Il livello della competizione è altissimo, arrivano sin qui solo squadre composte da campionissimi. È questo il bello di questa Final Four che vede rappresentate i quattro movimenti europei in assoluto più forti e competitivi. Per noi sarà un’esperienza molto bella ed esaltante, che capitalizzeremo comunque, sia in caso di vittoria che di sconfitta”.

Non ci sarà Mauro Canal, come tutti sanno, e un giornalista spagnolo chiede quanto questo potrebbe pesare sia dal punto di vista tecnico che da quello del morale della squadra. “Mi dispiace ma non parlo mai dei singoli – ribatté Colini – non mi piace anteporre le individualità al gruppo. Se siamo arrivati fin qui è merito di tutti, non di un singolo. CI siamo regalati un’occasione straordinaria e cercheremo di giocarcela al meglio anche senza Mauro. Siamo dispiaciutissimi per lui ma la mia squadra è composta da uomini che si impegneranno sempre alla morte per vincere, senza mai nascondersi dietro gli alibi”.

In conclusione di conferenza stampa una giornalista portoghese chiede a Velasco se i favori del pronostico possono risultare una pressione eccessiva nelle teste dei suoi giocatori: “Abbiamo una rosa di giocatori che hanno sufficiente esperienza per restare tranquilli anche in match così incandescenti. Una grande squadra sa come gestire la pressione, non dovrò aggiungere niente di più a quanto normalmente faccio quando preparo una qualsiasi partita durante tutta la stagione. Questo è il nostro obiettivo più importante, è vero e ne siamo perfettamente consapevoli, ma sono certo che dal punto di vista nervoso non avremo nessun aggravio di tensione. Accadesse il contrario non meriteremmo di aggiudicarci questo titolo”.

La domanda finale rivolta a Colini è tra tutte forse la più scontata. “Per bloccare Riccardinho avete studiato qualcosa di particolare ?”. La risposta di Colini è pronta e senza termini di ambiguità :”No, non possiamo e non vogliamo snaturarci. Affronteremo Riccardinho con il rispetto dovuto al campione più straordinario del panorama mondiale attuale ma sarebbe folle impostare la partita su di lui. Trovarsi di fronte un campione come lui è solo un altro motivo stimolante di una sfida che già di suo offre motivazioni eccezionali come quella del confronto con una squadra blasonatissima come l’Inter e come quella di partecipare alla competizione più importante del continente. Non mi sento di promettere la vittoria, non lo faccio neanche quando giochiamo con squadre di ben più modesta caratura, ma di sicuro posso dichiarare che giocheremo con delle motivazioni tanto importanti da costringerci a dare tutto quello che abbiamo. Speriamo che basti”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: