Pescara, al conservatorio Auguri di Natale in concerto il 22 dicembre 

Sto caricando la mappa ....

Data
dal 22/12/2016
dalle 16:00 alle 18:00

Luogo
Pescara

Categorie


Auguri di Natale in musica, domani, 22 dicembre, alle 16, nella sala “Bellisario” dello storico Palazzo Mezzopreti, sede del Conservatorio di musica “Luisa d’Annunzio” di Pescara.

Si tratta di un nuovo appuntamento del progetto “TRECENTO VOLTE COUPERIN “, ideato e organizzato dal musicista e docente del Conservatorio, Massimo Salcito, per il tricentenario della pubblicazione de “L’art de toucher le clavecin” del compositore e clavicembalista francese Francois Couperin, progetto avviato dal Conservatorio in ottobre e che proseguirà anche tutto il 2017. Auguri speciali, quindi, in linea con l’opera di Couperin.

Aprirà l’incontro la giovane e già affermata arpista Elena Cacciagrano, diplomata con lode nel corso tradizionale, attualmente al II anno del Corso Biennale specialistico di Arpa con la professoressa Boscherini. In programma musiche di Couperin, con particolare attenzione alla Sarabanda tratta dal IV Concert Royaux, più nota al grande pubblico televisivo degli Anni Settanta e Ottanta per essere stata utilizzata quale sigla del programma “Intervallo”.

L’intervento di Gianluca Tarquinio, discologo di fama internazionale, si intitolerà “François Couperin: oltre il contesto colto” e riguarderà la ricostruzione e l’analisi delle principali citazioni nella produzione musicale popular italiana, dagli anni Quaranta in poi. Si tratterà di un originale percorso storico-musicale che riguarderà personaggi noti e meno noti dello spettacolo italiano, beniamini della Radio e a seguire della nascente Televisione.

Concluderà l’incontro il coro “Melodie d’Abruzzo”, diretto da Maria Teresa Giammarino, che presenterà la classica serie di composizioni natalizie, tra cui spicca la nota melodia ”In Notte Placida”, divenuta da molti anni successo discografico ed editoriale, anch’esso in realtà basato su una Pastorale di Couperin.

Presenta il giornalista Silvio Sarta. Il saluto sarà affidato ai panettoni ed alle bottiglie di spumante.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: