Montorio al Vomano, pièce PER NON MORIRE DI MAFIA il 3 novembre

Sto caricando la mappa ....

Data
dal 03/11/2016
dalle 21:00 alle 23:30

Luogo
Montorio al Vomano

Categorie


“Finché la mafia esiste bisogna parlarne, discuterne, reagire. Il silenzio è l’ossigeno grazie al quale i sistemi criminali si riorganizzano e la pericolosissima simbiosi di mafia, economia e potere si rafforza”. Sono le parole dello stesso autore del libro “Per non morire di mafia”, l’allora Procuratore Nazionale Antimafia, ora Presidente del Senato, Pietro Grasso.

Dal libro nasce l’omonima pièce di teatro civile in scena per la rassegna Emergenze Mediterranee giovedì 3 novembre alle ore 21 nel Teatro Comunale di Montorio al Vomano (viale Settembrini). Il racconto è affidato all’arte di Sebastiano Lo Monaco, attore di teatro e cinema da anni impegnato nella divulgazione di testi contro la mafia e la criminalità, con la regia di Alessio Pizzech, la versione scenica di Nicola Fano e l’adattamento drammaturgico di Margherita Rubino. L’ingresso è libero.

“Per non morire di mafia” ripercorre le stagioni della guerra alla cupola siciliana, affrontando i legami tra mafia e politica, gli scontri all’interno della magistratura, le carenze legislative e di mezzi. E gli intrecci odierni con la ‘ndrangheta e la camorra. Fino a tracciare una mappa delle nuove mafie cinesi, russe, albanesi, nigeriane, colombiane, individuando le strade e gli strumenti che ci permetteranno di non morire di mafia, di non sottometterci al suo potere.

Dopo Montorio al Vomano la rassegna Emergenze Mediterranee proseguirà fino a dicembre lungo i comuni della provincia di Teramo che hanno aderito all’iniziativa. Informazioni sul sito www.istitutoteatromediterraneo.it. La sesta edizione di Emergenze Mediterranee è organizzata dalla Sezione italiana dell’Istituto Internazionale del Teatro del Mediterraneo con il patrocinio della Regione Abruzzo e della Provincia di Teramo, con il patrocinio e la partecipazione dell’Università degli Studi di Teramo e con il sostegno della Fondazione Tercas e dei Comuni aderenti.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: