L’Aquila, mostra LIBRI CHE PARLANO dal 30 aprile all’8 maggio

Sto caricando la mappa ....

Data
dal 30/04/2016 al 08/05/2016
dalle Tutto il giorno

Luogo
L'Aquila

Categorie


MostraUn libro e il suo contenuto. Uno strumento, un’emozione, una storia nel tempo e senza tempo, un mondo da scoprire, un mondo da preservare, valorizzare e molto altro ancora. Un libro è sempre legato al suo titolo, quello che compare sulla copertina, sul frontespizio, sul dorso. Un titolo che a volte ne determina la fortuna tra i lettori, si pensi alla Divina Commedia di Dante Alighieri e con un salto di secoli al romanzo di Gabriel Marquez: Cento anni di solitudine. Il titolo spesso dice tutto, la sintesi delle sintesi e a volte lascia al lettore invece tutte le ipotesi possibili e immaginabili.

Va proprio in questa direzione, quella di un caleidoscopio di sensi e significati (in fondo i titoli sono composti di parole e le parole messe assieme diventano un’altra cosa, una cosa diversa da quello che significano singolarmente) il gioco che l’Associazione Bambini di Ieri e di oggi ha proposto lo scorso mese di dicembre ai lettori. Un gioco con i titoli dei libri. La risposta è stata convinta e numerosa tanto che sabato 30 aprile 2016 nella sede dell’Associazione in Via Rocco Carabba, Piazzale Meridiana sarà inaugurata la mostra LIBRI CHE PARLANO. Durante l’evento l’ospite FRANCESCA POMPA illustrerà le iniziative editoriali di ONE GROUP e l’attore Maurizio Di Giacomantonio leggerà pagine scelte degli autori pubblicati nelle collane di One Group, Goffredo Palmerini, Enrico Centofanti, Vincenzo Gianforte, Giacomo Carnicelli che saranno presenti. La mostra rimarrà aperta dal 30 aprile al 8 maggio 2016 con i seguenti orari: dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 18.00 alle 20.00.

Il buon contagio del fantasticare derivante dalla lettura di un libro porta spesso anche a giocare ed è questo in definitiva anche il senso di questa iniziativa dell’Associazione tanto che il gusto per il serissimo giuoco del pensiero, l’apertura alle proposte più diverse (purché convincenti e meditate) spunta nei testi che i titoli dei libri hanno permesso di costruire ai partecipanti. Testi e messaggi la cui bellezza risiede anche nella loro anti-accademicità (credo non programmata, ma che scaturisce tuttavia spontanea e al contempo logica), nello scegliersi temi e problemi della vita attuale concreti ma anche inventati.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: