L’Aquila, la Ricerca al Centro il 30 settembre

Sto caricando la mappa ....

Data
dal 30/09/2016
dalle Tutto il giorno

Luogo
L'Aquila

Categorie


14100500_1792077204394976_937194745053565591_nAnche quest’anno l’Università degli Studi dell’Aquila è da tempo impegnata nell’organizzazione della Notte dei Ricercatori, che si svolgerà in 250 città di tutta Europa venerdì 30 settembre 2016. Gli eventi di Univaq Street Science faranno parte di una iniziativa più ampia coordinata dal Comune dell’Aquila e che includerà Sharper 2016.
La recente tragedia che ha colpito le popolazioni di Amatrice, Accumoli, Arquata del Tronto, e di tanti altri paesi vicini, ha spinto l’Università dell’Aquila a dare un ulteriore e importante significato alla notte del 30 Settembre: manifestare la vicinanza a chi sta così tanto soffrendo e lanciare ai giovani il messaggio di speranza che la Ricerca riesce a dare. Lo slogan “La Ricerca al Centro”, inizialmente nato per indicare come la ricerca scientifica debba essere al centro dei nostri impegni e come la ricerca scientifica esca dai propri laboratori per presentarsi nel centro delle città, assume ora anche il significato di essere al centro della rinascita della vita nei borghi distrutti dal sisma del 24 Agosto.
A differenza dei due anni precedenti, l’Ateneo parteciperà autonomamente con una propria proposta ricca di eventi che trasformeranno la scienza in spettacolo, gioco e dialogo, musica e cultura con tutta la città.
L’intero programma della manifestazione sarà reso noto a breve, ma anticipiamo che sarà caratterizzato da eventi dedicati alla divulgazione scientifica che comprenderanno laboratori per ragazzi e adulti, conferenze, mostre interattive, gare, spettacoli teatrali e performance artistiche. I giovani ricercatori dell’Università dell’Aquila, i suoi studenti, i volontari e i suoi ospiti nell’ambito dei Programmi Erasmus, saranno gli attori di questa giornata e condivideranno col pubblico il loro quotidiano entusiasmo, le loro emozioni, il loro impegno e i loro sogni. Costante sarà il pensiero rivolto alle popolazioni che stanno soffrendo. Univaq Street Science sarà anche un’occasione concreta per raccogliere contributi con cui aiutare le popolazioni colpite dal recente sisma.
Una delle tante novità di quest’anno sarà la partecipazione, nel ruolo di protagonisti, dei gruppi di studenti degli istituti scolastici abruzzesi di secondo grado le cui proposte hanno vinto il concorso “Ricercatore per un giorno”, bandito nel mese di maggio dall’Università dell’Aquila.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: