L’Aquila, I CANTIERI DELL’IMMAGINARIO: il programma del 25 luglio

Sto caricando la mappa ....

Data
dal 25/07/2016
dalle 20:00 alle 23:30

Luogo
L'Aquila

Categorie


Lunedì 25 luglio

Fontana delle Novantanove Cannelle

e MUNDA Museo Nazionale d’Abruzzo ore 20,00

STREET CIRCUS e MUNDA-NCING

Danza – videomapping – circo contemporaneo

BRUCALIFFO e GRUPPO E-MOTION

FOCUS – concertopercorpi

Produzione manifesto della ricerca sul “corpo” della coreografa Paola Sorressa sulle famose note de Le Quattro Stagioni di Antonio Vivaldi ricomposte da Max Richter.

regia e coreografia Paola Sorressa

produzione Mandala Dance Company con il contributo del MIBACT

EMPTY

Atleti e danzatori di Contemporaneo, Modern, HipHop, Break Dance e Parkour. Un mix di stili in un’unica coreografia.

direzione artistica Jacopo Scotti

coreografie Jacopo Scotti, Nicoletta Ragone, Roberto Parisse e Alessio Scotti

produzione Hexagon Dance Company – Zero Gravity

VIAGGIATORE MAGICO

Swing Clown, bolle di sapone, magie, giocoleria, mimo, gag.

di e con Yari Croce

COME UN BAMBINO ABBANDONATO NELLO SPECCHIO

DELL’ARMADIO – il corpo vero

Un viaggio nel corpo, attraverso il quale esistiamo, siamo qui, abbiamo una base e un peso, sensore, messaggero, veicolo, memoria, prodigo di sorprese, con tutte le sue mirabili scoperte, con le sue grandezze e le sue miserie ci unisce e rende simili, come grandiose e vulnerabili creature umane.

regia e coreografia Patrizia Cavola e Ivan Truol

produzione Compagnia Atacama con il contributo del MIBACT

AGUA/R-ESISTENZA – il corpo resiliente

È una riflessione sul concetto di resilienza, cioè la capacità di un sistema di adattarsi al contesto e definire forme di r-esistenza per superare le criticità.

coreografie Salvatore Romania e Laura Odierna

produzione Compagnia A.C. Megakles Ballet (Petranuradanza) con il contributo del MIBACT

SEX MACHINE – il corpo macchina

Il nostro corpo è inteso come una magica e ingovernabile macchina, protagonista di un caleidoscopico susseguirsi di eventi che, da solo o interagendo con altri, trova la più antica sintonia degli animi umani.

regia e coreografia Luca Bruni

produzione OPLAS con il contributo del MIBACT

<B+237>

Per la prima volta nella loro vita di giocattoli l’efficiente Soldato 237 e Bianca, bambola di pezza sognatrice, si incontrano scoprendo la diversità dei loro mondi. Essendo tanto diversi per sensibilità ed abitudini dovranno entrambi imparare a sviluppare modalità di gioco tutte loro per riuscire ad andare d’accordo.

di Simone Tositori e Valeria Chiara Puppo

produzione Associazione culturale Badabum realizzato grazie al sostegno di Musicalmente/Ideeinmovimento

DUNIA – il corpo sacro

Danza come veicolo di conoscenza e fonte di emozioni anche edonistiche, rappresentazione nella quale ogni sera l’interprete muore e rinasce.

regia e coreografia Anouscka Brodacz

produzione Gruppo Alhena

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: