L’Aquila, I CANTIERI DELL’IMMAGINARIO: IL MARE DI SICILIA il 29 e il 30 luglio

Sto caricando la mappa ....

Data
dal 29/07/2016 al 30/07/2016
dalle 21:00 alle 23:30

Luogo
L'Aquila

Categorie


venerdì 29 luglio – sabato 30 luglio

Chiostro di San Domenico ore 21,00

In caso di maltempo Auditorium del Parco

IL MARE DI SICILIA

Azione scenico-musicale

musica Carlo Crivelli (prima esecuzione assoluta)

Orchestra Sinfonica Abruzzese

marimba solista Alessandro Tomassetti

direttore Tonino Battista

con la partecipazione di un ensemble di giovani percussionisti del Conservatorio “Alfredo

Casella” L’Aquila

e dei rifugiati e richiedenti asilo dei Progetti SPRAR Battiti di integrazione – L’Aquila /

Parole dal mondo – Pizzoli

regia Manuele Morgese e Rolando Macrini

realizzazioni visual Visioni future

regia video Luca Cococcetta

ISTITUZIONE SINFONICA ABRUZZESE – TEATROZETA

in coproduzione con il Conservatorio di Musica “Alfredo Casella” L’Aquila

in collaborazione con ARCI-L’Aquila, Associazione Artisti Aquilani

e OGA – Orchestra Giovanile Abruzzese

Come raccontare un mare? O meglio come raccontare il mare di Sicilia, così carico di storia, di miti, di culture, di vite? Il mare di Sicilia, opera musicale di Carlo Crivelli – presentata qui in prima assoluta – oscilla tra le memorie musicali dei popoli mediterranei e la vibrazione intensa di quelle vite che hanno attraversato un mare che porta e trasporta oggi zattere di esseri umani in cerca di un’esistenza e di una dignità da “esseri viventi”. Insieme alla musica, ascolteremo la loro voce, la voce di coloro che “ce l’hanno fatta” e che sono qui, grazie ai Progetti SPRAR – Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati – dei Comuni di Pizzoli e L’Aquila, per ricostruire con coraggio la propria esistenza su basi nuove, proprio qui, dove un’intera città ricostruisce sé stessa. In prima assoluta, l’Orchestra Sinfonica Abruzzese eseguirà, sotto l’autorevole direzione di Tonino Battista, l’opera musicale Il mare di Sicilia di Carlo Crivelli, uno dei più celebrati e premiati autori italiani di musica da film, vincitore quest’anno del Globo d’Oro della Stampa Estera in Italia.

Lo spettacolo si avvale della regia di Manuele Morgese e di una regia di “visual art” di Luca Cococcetta per Visioni future, che utilizzerà le pareti bianchissime del chiostro come una pagina bianca su cui scrivere, come le quinte immaginarie di un teatro da vestirsi di una scenografia immateriale.

Lo spettacolo è dedicato alla parlamentare inglese Jo Fox, in memoria del suo impegno per l’integrazione.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: