Lanciano, seminario su ordigni bellici inesplosi il 16 dicembre

Sto caricando la mappa ....

Data
dal 16/12/2016
dalle 15:00 alle 18:00

Luogo
Lanciano

Categorie


zioQuali rischi possono derivare da ordigni bellici inesplosi? Quali compiti e responsabilità per progettisti e addetti alla sicurezza di cantiere? Quali azioni intraprendere per la messa in sicurezza di un’area interessata e per la successiva bonifica? A queste e ad altre domande si risponderà venerdì 16 dicembre 2016 a Lanciano nel corso del seminario “Valutazione del rischio derivante da ordigni bellici inesplosi”, promosso dall’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Chieti con il contributo della Commissione Sicurezza, e rivolto ai progettisti della sicurezza cantieri, ai responsabili del procedimento ed ai responsabili dei lavori. Appuntamento alle ore 14.50 al Consorzio Universitario di Lanciano “Palazzo degli Studi”, in corso Trento e Trieste.

Autorevoli le relazioni in programma. Dopo il saluto di Nicola Centofanti, presidente dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Chieti, e l’introduzione di Danilo Tieri, coordinatore Commissione Sicurezza, interverranno Giuseppe Piegari, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con un intervento sulla “Normativa di riferimento in materia di bonifica da ordigni bellici inesplosi” e una successiva panoramica sulle “Definizione strumenti a disposizione del coordinatore della Sicurezza per la valutazione del rischio – Interpello n.14/2015”, Giuseppe Zappacosta, anch’egli del Ministero del Lavoro, che presenterà gli “Adempimenti, documentazione e responsabilità nella gestione dei rischi nei cantieri”, Rocco Luigi Sassone, esperto di sicurezza nei cantieri, cui è affidato un intervento sulle “Linee Guida per le bonifiche da Ordigni Bellici Inesplosi”, e Giovanni Masciarelli, Funzionario Esperto Tecnico-Genio Civile Regionale, che presenterà alcuni casi studio. A seguire, è previsto un dibattito con tutti i partecipanti.

“Da tempo – dicono i promotori – la legge impone l’obbligo  di valutazione dei rischi derivanti dal rinvenimento di ordigni bellici inesplosi, affidando compiti e responsabilità a figure specifiche che devono effettuare una corretta valutazione preliminare del rischio bellico residuale relativa all’area di progetto, per determinare la necessità o meno di procedere in fase successiva con un intervento di messa in sicurezza convenzionale, come previsto da normativa vigente. In questo contesto abbiamo promosso questo seminario per un approfondimento dell’attuale scenario normativo e sui ruoli dei soggetti che provvedono alla valutazione dei rischi e alla successiva bonifica”.

La partecipazione al seminario darà diritto a 4 crediti formativi.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: