ESSERE NEL SOGNO ( sogno lucido e costellazioni)

La nostra percezione può attraversare diversi stadi o stati di coscienza. I due estremi, chiamati da Castaneda, mondo del Tonal e mondo del nagual, possono essere esperiti, uno nel mondo di tutti i giorni, nello stato di veglia, l’altro nel mondo dei sogni o durante lo stato di consapevolezza in meditazione.

Gli antichi toltechi chiamano il punto d’unione, un punto energetico che tramite il suo spostamento determina la condizione di sonno o di veglia del nostro stato di coscienza.

Per poter vivere con intensità, i due stati di coscienza, è necessario un “risveglio”, sia nello stato di sonno che nello stato di veglia. Con il termine risveglio intendiamo raggiungere uno stato di consapevolezza maggiore di quello che esperiamo nella vita di tutti i giorni e in quella dei sogni.

Il nostro invito è diretto a sperimentare i due stati di sogno e veglia con più consapevolezza utilizzando due tecniche, una è quella del sogno lucido, in cui si proverà ad attraversare la condizione di sogno consapevolmente, quindi avendo la possibilità di essere attori e registi del proprio sogno e non solo spettatori come di solito accade durante le ore di sonno quotidiane. L’altra invece per attraversare lo stato di veglia con la consapevolezza che secondo noi merita, utilizzando tecnica delle costellazioni, atte a sperimentare lo stato di veglia centrati sul qui ed ora, cioè sul vivere il momento, il presente, quello che c’è e non quello che c’era o che ci sarà. ll risveglio del doppio o della nostra anima.

Submitted by FABIO CIERI

484739_508474749197507_379244939_n

Print Friendly, PDF & Email