Confindustria L’Aquila su riordino province in Abruzzo

“Apprendiamo con grande soddisfazione la decisione presa dal
Consiglio dei Ministri sulla nuova organizzazione delle Province”. Ad
affermarlo è il Presidente di Confindustria L’Aquila Fabio Spinosa
Pingue, nel commentare la ridefinizione degli enti locali votata dal
Governo che prevede due uniche Province, ovvero L’Aquila-Teramo e
Chieti-Pescara.“Ora adeguiamoci tutti, privati, Enti e categorie, a
questa risoluzione e facciamola nostra: bisogna andare compatti verso
lo stesso obiettivo per perseguire il bene dell’intero Abruzzo.

E’ solo il primo passo verso una Regione virtuosa, che deve
diventare un “Unicum” – magari anche attraverso una prossima
fusione dei Comuni – e che dovrà avere una P.A. più efficiente, non
autoreferenziale e autenticamente funzionale allo sviluppo del
Territorio. Nel nuovo mondo anche la P.A. deve essere maledettamente
virtuosa, non solo i privati, per due buoni motivi: non fa Pil e deve
cessare di ragionare per compartimenti stagni. Ora si remi tutti
insieme nella stessa direzione – conclude Spinosa Pingue – e anche chi
si era opposto, con ragionate quanto legittime ragioni, proponendo
soluzioni alternative a quella decisa dal Cal e confermata dal
Governo, acquisisca come propria una determinazione che farà il bene
dell’intera Comunità. Questo è il momento di dare grande prova di
maturità, soprattutto nella ripartizione degli uffici sul territorio
per la quale bisogna agire con spirito di condivisione e scevri da
spinte colonizzatrici da parte di una Città sull’altra. Finalmente,
dunque, siamo chiamati a mettere da parte gli interessi locali e a
ragionare fuori da ogni forma di dannoso campanilismo.Sarebbe
magistrale completare l’opera con il Collegio Unico Regionale per
l’elezione dei Consiglieri”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *