Città Sant’Angelo, spettacolo “Donne Danneggiate” il 12 aprile

Appuntamento da non perdere domenica 12 aprile con “Donne Danneggiate”, spettacolo con uno sguardo al sociale che si terrà al teatro comunale di Città Sant’Angelo (Pescara) alle ore 18. Lo spettacolo sarà dedicato a una giovane madre teramana vittima di femminicidio, che verrà ricordata con una lettura. Dopo il successo ottenuto nelle precedenti messe in scena a Teramo, Bellante, Atri e Civitella del Tronto, l’evento promosso dall’Associazione culturale “Bon Ton” di Bellante coinvolgerà altre località del nostro territorio dando voce alle storie di violenza, abusi e assassini. Con “Donne Danneggiate” si accenderanno i riflettori sui temi quantomai attuali delle violenze sulle donne e sul femminicidio. Gli argomenti sono trattati senza alcun pregiudizio e con un finale tutto al maschile con una chiusa di speranza e amore. Come sostenuto da Anna Di Paolantonio, direttrice artistica dello spettacolo, attraverso le emozioni suscitate dalle canzoni, dalla danza e dalla musica si possono sensibilizzare le coscienze. L’evento proposto unirà le suggestive performances di canto, danza e musica ad un reading di poesie e toccanti testimonianze. Lo spettacolo si articolerà tra testimonianze vissute attraverso la voce di Luisa Ferretti ed emozionanti brani musicali, attentamente selezionati dall’autrice e suggestivi passi di danza che un fil rouge comune unisce durante lo spettacolo, il tutto con la collaborazione dell’Ensemble vocale del Mix Factor, le splendide voci dei ragazzi del talent canoro locale. Con molta probabilità, come è accaduto per le precedenti messe in scena, non mancherà il punto di vista dei bambini sul tema, con la lettura di alcuni testi all’interno dello spettacolo dagli autori di poesie o temi. È prevista anche la presenza di un’insegnate dei segni che tradurrà lo spettacolo agli audiolesi. “Donne Danneggiate” è stato già presentato con successo nella ‘giornata mondiale del 25 novembre’ e a ridosso della ‘giornata mondiale della donna 8marzo’ nei teatri e principali sale della provincia teramana e limitrofi.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *