Chieti, workshop internazionale “Chieti Lab” il 15 settembre

Il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, rende noto che lunedì 15 settembre 2014, alle ore 11.00, presso la sede della Camera di Commercio di Chieti Scalo, avrà inizio il Workshop Internazionale “Chieti Lab” Progetto Urbano Sostenibile, organizzato dall’Amministrazione Comunale di Chieti e dal Dipartimento di Architettura dell’Università “G. d’Annunzio”. Il progetto, di respiro internazionale, vedrà la partecipazione di numerose Università italiane ed estere – Università di Roma Tre, Università di Palermo, Università Federico II di Napoli, Università di Camerino, Politecnico di Bari, Summer School Siena, Universitat autonoma di Barcelona UAB, Università di Ljubljana – e proseguirà nei giorni 16, 17 e 18 settembre. Nella giornata conclusiva, dalle ore 14.00, presso la Camera di Commercio di Chieti Scalo, verranno presentati i risultati dei workshop.

Chieti Lab affronterà, in particolare, le seguenti tematiche:

CITTA’ DELLA PIANA

Città – fabbrica verde

Rigenerazione area industriale;

Nuova centralità Urbana: Stazione FS, Quadrilatero pedonale Colonnetta, Corso Urbano Tiburtina;

Direttrice Vestini – fiume;

 

AGROCITTA’

Città dell’agroalimentare e dei sapori

Mercato ecologico e Strada mercato, Officina del Gusto “Madonna del Freddo” Porta Maiella

«È il primo passo verso la redazione del nuovo piano regolatore – ha dichiarato il Sindaco -. Chieti diventa un grande laboratorio grazie al coinvolgimento degli uffici comunali, dei ricercatori, dei professori universitari e dei professionisti del settore.

Partiamo dalle idee, dai progetti, dagli obiettivi, dalla valorizzazione dell’esistente, ma sopratutto dalla voglia di confrontare le idee, per arrivare ad una nuova pianificazione territoriale e alla realizzazione della città del futuro.

Si parte, dunque, lunedì, dalla parte piana per arrivare a completare il percorso con gli approfondimenti sulla città alta a dicembre, e successivamente consegnare le idee al Consiglio Comunale per inizare a lavorare fattivamenete al Piano Regolatore Generale».

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *