Chieti, tecnologia d’avanguardia all’ospedale

Tecnologia d’avanguardia all’ospedale di Chieti: “Zavattaro ha mantenuto la promessa fatta nel corso del Consiglio Comunale straordinario sulla Sanità a Chieti”

Nei primi mesi del 2013 al via il bando di gara per la realizzazione di un parcheggio nei pressi dell’ospedale

Il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio accompagnato dal Consigliere Comunale Liberato Aceto, ha partecipato all’incontro “La diagnostica per immagini a Chieti. Le origini, il presente, il futuro”, svoltosi presso l’aula “Stefania Budassi” dell’Istituto di Radiologia dell’ospedale “Santissima Annunziata” di Chieti che, a latere, ha visto anche la presentazione delle nuove tecnologie dell’Unità operativa di Radiologia dell’ospedale ed in particolar modo il nuovo Tomografo Computerizzato.

«Esprimo soddisfazione per l’importante obiettivo colto dal management del clinicizzato di Colle dell’Ara “SS. Annunziata” – ha dichiarato il Sindaco nel corso del dibattito – grazie all’installazione delle nuove modernissime Tac.

Ringrazio per questo, in particolare, il dott. Zavattaro per aver mantenuto la promessa fatta, circa due anni fa, nel corso del Consiglio Comunale straordinario sulla sanità convocato a Chieti.

In quell’occasione, infatti, non con lo spirito di chi voleva criticare, ma con l’atteggiamento di chi voleva capire e soprattutto essere da stimolo, l’amministrazione e i consiglieri comunali, per primo il capogruppo Aceto, hanno cercato di mettere in luce le criticità ma, soprattutto, le necessità della sanità teatina.

Nel corso degli anni – ha evidenziato il Sindaco – un importante obiettivo è stato sicuramente raggiunto da questo ospedale ed è il livello professionale dei suoi addetti ma le nostre battaglie non possono fermarsi qui: in un periodo di necessario rigore, infatti, non si possono immolare sull’altare dei bilanci economici i servizi essenziali e tra questi l’assistenza sanitaria universale.

Bisogna sempre e comunque garantire, con il contributo che ognuno di noi può dare e per il ruolo che recita nella società, che l’Italia conservi il modello di stato sociale fra i più garantisti al mondo.

Una ulteriore esigenza per questo presidio ospedaliero, e lo dico da amministratore locale, ritengo sia garantire anche infrastrutture utili a soddisfare la domanda di sosta delle autovetture e di una adeguata viabilità per l’utenza ospedaliera e gli operatori sanitari.

Già nei primi mesi del 2013, a tal fine, verrà bandita una gara per la realizzazione di un parcheggio nei pressi del nosocomio teatino.

Stigmatizzando la prassi che ha imperato per decenni nella nostra regione ovvero un numero di ospedali spropositato in relazione agli abitanti, cosa che in realtà è servita solo a “sistemare” qualcuno piuttosto che ad offrire servizi ai cittadini, oggi credo che l’Abruzzo, con la razionalizzazione dell’offerta sanitaria, abbia portato avanti una battaglia epocale, grazie alla quale si è sostituito al numero la qualità dei servizi sanitari.

In quest’ottica, ringraziando il Presidente della Giunta Regionale per ciò che sta facendo, chiedo che in una logica di razionalizzazione ed ottimizzazione dei servizi il presidio ospedaliero di Chieti possa essere valorizzato quale riferimento regionale, non solo per le eccellenze che anche oggi verifichiamo, ma anche per la peculiarità che il nostro ospedale ha di essere convenzionato con l’Università.»

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *