Chieti, convegno nazionale di Radioterapia Oncologica il 13 e 14 febbraio

Giunto alla sua dodicesima edizione consecutiva il Convegno nazionale di Radioterapia Oncologica che si terrà nelle date del 13-14 Febbraio 2014 presso l’Auditorium del Rettorato del campus universitario di Chieti. Le attenzioni sono tutte rivolte ai progressi tecnologici che la moderna Radioterapia ha raggiunto nell’ultimo decennio ed in particolare alle possibilità tecniche di somministrare oggi dosi elevate su volumi tumorali contenuti in combinazione con i farmaci chemioterapici. “La scelta della Dose in Radioterapia e l’integrazione con le terapie mediche oncologiche”, questo il titolo del XII Convegno organizzato dalla Radioterapia Oncologica del Policlinico di Chieti diretta dal Prof. Giampiero Ausili Cèfaro. Esperti da tutto il territorio nazionale convergeranno su Chieti in questa due giorni per dibattere in modo particolare su quattro patologie tumorali particolarmente frequenti e ricche ancora di molte insidie diagnostiche-terapeutiche: i tumori Polmonari, le neoplasie della Prostata, i tumori Otorinolaringoiatrici e la malattia oligometastatica ovvero una fase di malattia tumorale con limitate sedi metastatiche e potenzialmente suscettibili di una finalità curativa con l’integrazione multidisciplinare delle  moderne tecnologie.

Prestigiosi i Centri di provenienza dei relatori: spiccano infatti l’Ospedale Molinette Università di Torino con i Prof. Ricardi e Scagliotti, l’Istituto Tumori di Milano con il Prof. Valdagni, l’Istituto Tumori di Genova con il Prof. Corvò, l’Università Cattolica Policlinico Gemelli di Roma con il Prof. Valentini, il Centro di riferimento oncologico di Aviano con il Prof. Trovò e la cattedra di Oncologia medica dell’Università di Ancona con il Prof. Cascinu. La scelta dell’argomento sulla dose e sulle tecniche radioterapiche è quanto mai appropriata in vista dell’arrivo prossimo del nuovo Acceleratore Lineare di recente acquistato dalla ASL Lanciano-Vasto-Chieti  e che sarà a disposizione della Unità Operativa di Radioterapia di Chieti dopo l’estate. L’apparecchiatura è difatti dotata della più elevata tecnologia oggi disponibile in Radioterapia avendo la capacità di somministrare le dosi attraverso le modalità in Intensità Modulata (IMRT), Stereotassica e con le più sofisticate tecniche guidate dal moderno imaging (IGRT). E ad introdurre i lavori saranno proprio il Direttore Generale della ASL Francesco Zavattaro unitamente al Rettore della “d’Annunzio” Carmine Di Ilio  ed al Presidente del Congresso Giampiero Ausili Cèfaro. Le attese sono importanti in considerazione della notevole domanda di partecipazione registrata per le due giornate teatine da parte di radioterapisti provenienti da tutte le parti d’Italia, isole comprese. Il numero dei prescritti tra discenti radioterapisti, oncologi, radiologi, medici nucleari ma anche tanti medici di medicina generale è ben oltre le 200 unità e questa partecipazione conferma la presenza, credibilità unitamente alla tradizione ormai consolidata  nel tempo dell’Istituto di Radioterapia di Chieti.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *