Celenza sul Trigno, II tappa Festival della Mobilità Lenta il 23 novembre

L’assessorato al Turismo della Provincia di Chieti organizza e promuove la seconda tappa del Festival della Mobilità Lenta all’interno del progetto Tesori e Sapori dell’Abruzzo Montano”, finanziato dal POR FESR VI.3.1.

Celenza sul Trigno ospiterà sabato 23 novembre a partire dalle ore 9.00 l’Equiturismo con una passeggiata a cavallo che partirà dalla struttura polifunzionale in località San Rocco e con attività ludico-ricreative dedicate ai più piccoli, in piazza, che avranno come tema il cavallo.

Un evento che mira alla sensibilizzazione della popolazione locale e al coinvolgimento dei giovanissimi ad una nuova filosofia turistica che si fonda sulla consapevolezza di spendere la propria vacanza vivendo fino in fondo il territorio.

L’evento si realizzerà grazie alla collaborazione del Comune e della Pro Loco di Celenza sul Trigno, della Protezione Civile Valtrigno e soprattutto delle associazioni “Horse Men Team” di San Salvo e ” I Cavalieri del Regio Tratturo” di Termoli che animeranno la passeggiata e che hanno coinvolto la federazione per l’intrattenimento dei bambini.

I protagonisti oltre ai cavalli saranno appunto i giovanissimi, i tantissimi alunni delle Scuole Materna e Primaria di Celenza sul Trigno, della scuola Materna di Dogliola e della Scuola Materna e Primaria di Palmoli che avranno la possibilità attraverso il gioco di approcciare all’animale e al suo mondo, guidati da un istruttore federale e coordinati dal prof. Gabriele Di Paolo.

Ci saranno dei giochi di gruppo e delle attività di contatto che avranno come obiettivi didattici la conoscenza delle abitudini alimentari del cavallo ma anche la cura dell’animale e il suo utilizzo sia nello sport che come animale da trasporto. Per tutti i bambini sarà allestito un buffet per la merenda.

«L’intento è di promuovere una conoscenza diversa del territorio- precisa l’assessore al turismo, Remo Di Martino- che si fondi sul turismo attivo in cui il visitatore viva in modo diretto e profondo i luoghi che attraversa. Partendo da una nuova consapevolezza sulla necessità di promuovere un turismo slow che vogliamo trasmettere ai più piccoli per sensibilizzarli e formarli in tal senso».

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *