Castel di Ieri, festival “Visioni Sirentine” il 30 luglio, l’1 e 13 agosto e il 14 settembre

L’amministrazione comunale di Castel di Ieri e  il Florian Teatro Stabile d’Innovazione presentano il  festival “Visioni Sirentine” anno ii – centro storico- area archeologica tempio italico Castel di Ieri. Un Festival teatrale estivo che verrà allestito nei siti archeologici e storici di Castel di Ieri, luoghi magici che evocano la storia dell’Abruzzo e si inseriscono da protagonisti nella tradizione millenaria della storia umana facendo dialogare le forme dello spettacolo antico con le Arti del Teatro. La mitologia diventa così strumento per avvicinare il vasto pubblico al mondo antico, all’archeologia ed è viatico per una conoscenza del passato in chiave emozionale.

Programma

30 LUGLIO ore 21

Centro storico

“I MUSICANTI DI BREMA”

Di e con Paolo Capodacqua e Mario Fracassi

Canzoni e musiche originali di Paolo Capodacqua

Scene e costumi Wally Di Luzio e Antonella Di Camillo

Regia Mario Fracassi

In scena un attore e un musicista, ad animare, con canzoni, musiche, suoni, parole, oggetti,  figure e… con l’aiuto del pubblico la celebre favola dei Fratelli Grimm. La Storia di un asino, un cane, un gatto e un gallo, i quali, dopo una vita di stenti, fatiche e soprusi, si incontrano casualmente e insieme tentano di arrivare alla città di Brema…

Tratto dalla celebre favola dei Fratelli Grimm, lo spettacolo racconta la storia di quattro animali: un asino, un cane, un gatto e un gallo, i quali, dopo una vita di stenti, fatiche e soprusi, si incontrano casualmente e insieme tentano di arrivare alla città di Brema per entrare a far parte della banda musicale cittadina.  Il cammino verso Brema, però, si rivelerà pieno di insidie e così i quattro amici si troveranno ad affrontare gli ostacoli e le sorprese riservate loro dal destino. In scena un attore e un musicista, ad animare, con canzoni, suoni, parole, oggetti e… con l’aiuto del pubblico, la storia fantastica dei quattro animali. La solitudine, l’amicizia, la speranza, la solidarietà sono i valori alla base di questo viaggio rocambolesco e ricco di colpi di scena, un viaggio immaginario che è anche viaggio interiore raccontato con le canzoni di Paolo Capodacqua e la narrazione di Mario Fracassi.

1 AGOSTO ore 21

Centro storico

“CORE a CORE”

Letture, pensieri e anim(a)zioni sull’Amore

Evento teatrale con letture, racconti e musica

A cura di MURE’ TEATRO

Con: Francesca Camilla D’Amico e Marcello Sacerdote

Un evento in cui si alternano letture di poesie, racconti, canzoni, suonate all’organetto e momenti di interazione col pubblico. Il tema è l’amore nella coppia. Conviviale, divertente e poetico.

“Core a Core” è un piccolo album fotografico o, forse, un collage fatto di persone, di piccole avventure, aneddoti, poesie, di racconti abruzzesi, di pizzichi e baci. Ma è soprattutto un momento per stare insieme, per riscaldarsi “alla maniera antica”…incontrandosi. Perché vorremmo che il Teatro fosse sempre di più il luogo dell’incontro. Tra canti a sospetto, balli della sala, amori di ieri e amori di oggi, tentiamo di restituirvi un po’ di leggerezza del cuore, a modo nostro e, sempre e solo, con la vostra presenza.

13 AGOSTO  ore 19

Centro storico

“TANTE STORIE PER GIOCARE”

Di e con Mario Fracassi Francesco Sportelli e Alessia Tabacco

Viaggio nell’universo creativo della letteratura per l’infanzia dI Rodari alla ricerca delle chiavi d’accesso al mondo della fantasia nascosto in ognuno di noi. Seguendo il percorso tracciato “daL maestro della creazione letteraria”, e utilizzando le più svariate tecniche dell’invenzione, durante l’incontro si giocherà, insieme agli attori, ad interpretare, inventare, sbagliare e rifare le storie. Quelle già esistenti e quelle ancora da scoprire. Nella consapevolezza, sempre viva in di potere trovare una favola dentro ad ogni cosa.

Cuore di fiaba che c’era una volta,

fammi trovare un bambino che ascolta.

Come un curioso scoiattolo attento

trova una storia e ascolta contento.

Ride se è buffa, piange se è triste.

Si meraviglia di cose mai viste.

La storia è bella, la voce è pronta

ma resta muta se non la racconta.

La sera è poca, la fiaba è molta,

voglio un bambino che ascolta!

Bruno Tognolini Il narratore di storie ai bambini

13 AGOSTO ore 21

Centro storico

“TRA LE RIGHE”

alla scoperta di altro da sé…

Concerto-spettacolo di Francesco Sportelli

Oltre i primi significati.

Scoprire quello che di nuovo c’è: come una lente di ingrandimento che entra negli spazi, li dilata e trova nuove visioni Oltre il punto di vista. Cambiare ogni volta che si muove l’orizzonte: come un esploratore che si fa largo tra la vegetazione di una foresta e scopre nuovi paesaggi Oltre quello che è. Così come sempre è stato: come una vecchia filastrocca che cambia con le generazioni che le passano dentro e nasce di nuovo Tra le righe viaggia. Oltre: alla scoperta di altro da sé…

TRA LE RIGHE è un concerto-spettacolo scritto da Francesco Sportelli e Alessia Tabacco

Canzoni, letture tratte dalle opere dei massimi esponenti della narrativa contemporanea e una scenografia che prende in prestito le opere dell’arte visiva e della fotografia moderna, rappresentano gli strumenti comunicativi di questo spettacolo semplice e completo che utilizza tutti i linguaggi dell’arte per creare un’atmosfera delicata e suggestiva, ricca di spunti di riflessione e di energia positiva e creativa.  Le canzoni sono tratte dal repertorio originale dell’artista Francesco Sportelli e da quello di altri cantautori noti al pubblico, eseguite con un’attenzione particolare alle suggestioni musicali portate al pubblico con originalità  La musica e la storia di Francesco Sportelli incrociano le opere di artisti della letteratura, del teatro, del cinema e della pittura che vengono lette, interpretate e fatte conoscere al pubblico.  Eduardo De Filippo, Giorgio Gaber, Marc Chagall, Alessandro Baricco, Fernando Pessoa, Giovanni XXIII, Albert Einstein, Lewis Carroll, Erri De Luca, Roberto Benigni, Charles Chaplin, Massimo Troisi… Questi ed altri i protagonisti che influenzano un audace ed eclettico percorso artistico-musicale per andare oltre la superficie e conoscere gli spazi immensi che si aprono tra le righe del quotidiano.

Domenica 14 settembre ore 18

Area archeologica Tempio Italico

“METIS”

dall’Odissea

drammaturgia e regia Giulia Basel

Metis parte dai viaggi di Ulisse, fonte inesauribile di suggestioni e di approfondimenti, per ricercare quelle radici culturali che sono fondamento della cultura occidentale ed in particolare europea, ma che sconfinano anche sulle altre sponde del Mediterraneo. Un’idea di Europa del pensiero, della poesia, dell’arte e dei popoli ricentrata proprio sul grande ed ineludibile apporto di quell’Europa mediterranea cui si deve il nome stesso di Europa.

In scena gli attori storici del Florian Massimo Vellaccio, Flavia Valoppi, Umberto Marchesani, Alessio Tessitore, Giulia Basel, molti altri interpreti attori, danzatori e performers quali Franca Minnucci, Guido Silveri, Lorenzo Marvelli, Stefania De Laurentis, Gisela Fantacuzzi, Eliana De Marinis, Silvia Napoleone, Massimiliano Elia, Luigia Tamburro, Francesco Barbara, Marcella Rolandi, Maresa Guerra e i giovani dell’Atelier Espace, le danzatrici del Gruppo Alhena, gli interpreti di Palcoscenico 95 e di Errori di Trasmissione e i performers di UltraStudio.

.Metis si avvale della collaborazione artistica di Anouscka Brodacz, luci e suono di Renato Barattucci e Andrea Micaroni, registrazioni e ambiente sonoro Globster.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *