Caramanico, ii sepolcri del giovedì santo il 17 aprile

Caramanico Terme (PE) 17 aprile, 2014 – Culto e Tradizione. Secondo i Vangeli sinottici Gesù dopo cena si reca nell’ orto di Getsemani, in riva al torrente Cedron, alle falde del monte degli Ulivi per pregare. Lo accompagnano Pietro, Giovanni e Giacomo che però, vinti dal sonno, si addormentano. Gesù continua a salire da solo per rivolgere a Dio la sua preghiera. Dopo essere ridisceso e aver svegliato i seguaci vede avvicinarsi una schiera di persone armate, fra queste Giuda che venutogli incontro lo chiama “maestro” dandogli un bacio. E’ il segnale: riconosciuto Gesù gli armati lo arrestano, nonostante l’ intervento degli Apostoli. A Caramanico Terme in questa ricorrenza i membri della Confraternita “Monte dei Morti”, con il tradizionale abito nero con mozzetta dorata, precedendo i fedeli, visitano i giardini eucaristici allestiti nelle chiese del paese. A notte fonda due gruppi di suonatori di flauto e tamburo percorrono le strade deserte intonando ritualmente poche, intense note a ricordo della cattura di Cristo e del pianto della Madre che lo cerca disperatamente.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *