Campo Imperatore, dal 24 al 28 agosto torna in scena “Operazione Quercia”

In “Operazione Quercia”, che andra’ in scena dal 24 al 28 agosto, si racconta la prigionia di Benito Mussolini nel settembre del 1943 e la sua successiva liberazione ad opera dei paracadutisti tedeschi, avvenimenti consumatisi proprio sulle vette del Gran Sasso. Una location piu’ che realistica, un vero e proprio tuffo nel passato, per un’opera teatrale che ha registrato nelle passate edizioni un indiscusso successo di pubblico, tanto da essere stata proposta in piu’ occasioni dal 19 giugno scorso su Rai Storia. A interpretare il personaggio di Mussolini e’ un attore straordinario, per talento e somiglianza fisica, Luca Biagini, scelto dal regista e autore del testo insieme a tutti gli altri componenti del cast: Marco Simeoli, Valentina Olla, Federico Perrotta, Barbara Lo Gaglio, Alessandro Tirocchi, Morgana Giovannetti. Accanto agli attori i due ballerini Leonardo Bizzarri e Raffaella Saturni che, insieme a Perrotta, sono gli abruzzesi della compagnia. I costumi sono della pluripremiata Graziella Pera che vanta nel suo curriculum centinaia tra film e spettacoli teatrali di successo, mentre le coreografie di Hevelyn Hanack, direttamente dal Bagaglino. Dal 30 agosto – dopo le ultime repliche di “Operazione Quercia” – Pier Francesco Pingitore, con Luca Biagini e tutto il team, mettera’ in scena l’ultimo atto della trilogia: “Scacco al Duce – l’ultima notte di Ben e Claretta”. Il primo atto, che ha per titolo “Quel 25 luglio a Villa Torlonia”, e’ stato rappresentato (2010) proprio a Villa Torlonia a Roma, e ha per tema il ritorno a casa di Mussolini nella notte in cui fu sfiduciato dal Gran Consiglio.
Il secondo e’ “Operazione Quercia”, mentre il terzo e’ proprio “Scacco al Duce”. In “Scacco al Duce” si racconta la notte trascorsa da Mussolini e Clara Petacci nella cascina De Maria a Bonzanigo che si conclude con la loro fine. Una lunga nottata in cui l’ormai ex Duce e’ chiamato a fare i conti con se stesso e con la storia, in una serie di colloqui, parte reali e parte immaginari, con alcune delle figure fondamentali della sua tempestosa avventura: il Re, d’Annunzio, la figlia Edda, e (personaggio in carne e ossa) il giovane partigiano suo carceriere, che gli presenta il conto di una generazione troppo illusa e troppo delusa. Accanto a lui Clara Petacci, Claretta, la donna che pur potendo salvarsi, ha voluto condividere fino in fondo la sorte del suo Duce. Nel cast, ancora una volta, Luca Biagini nel ruolo di Benito Mussolini; Barbara Lo Gaglio e’ Claretta Petacci; Roberto Della Casa interpreta Vittorio Emanuele III; Bianca Maria Lelli e’ la Vita; Sabrina Pellegrino e’ il personaggio Edda Ciano; Carlo Ettorre veste i panni di Gabriele d’Annunzio; Antonio Pisu e’ il partigiano; Morgana Giovannetti e’ la voce narrante. I ballerini sono, come per “Operazione Quercia”, Raffaella Saturni e Leonardo Bizzarri. Coreografie di Evelyn Hanack, costumi di Graziella Pera. Grazie al sostegno del Comune dell’Aquila sara’ possibile, tra le altre cose, accedere al rifugio con la funivia e riscendere da Campo Imperatore con una navetta, servizi compresi nel costo del biglietto. “Ritengo che eventi di questo spessore, per di piu’ realizzati sul Gran Sasso – ha spiegato De Santis – siano un fatto straordinario. Per questo abbiamo voluto contribuire. Sono convinto dell’importanza dei grandi eventi e del sano utilizzo delle nostre location storiche e naturali per promuovere correttamente il territorio”. “Uao (Unita’ Artistica Organizativa) – ha sottolineato in ultimo Perrotta – nasce dall’esigenza di non poter piu’ aspettare la convocazione da parte di produttori per prender parte a un nuovo spettacolo. Interpreta i desideri che spesso tra attori ci scambiamo: diventare imprenditori di noi stessi. Trasferiremo le competenze acquisite con ‘Operazione Quercia’ nelle prossime produzioni nazionali e ci auguriamo che gli artisti e il pubblico possano comprendere la volonta’ di dare un nuovo corso alla filiera dello spettacolo in questo momento di grave difficolta’”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *