Bucchianico, il corto “Due ragazzi e un velo” in onda su Canale 5 il 17 maggio

Domenica 17 maggio alle ore 10 torna su Canale 5 “Ciak Junior”, quattro puntate dedicate ai cortometraggi ideati e interpretati da ragazzi, che rende i giovani da semplici spettatori a veri e propri protagonisti. Il progetto, giunto alla XXVI edizione, è stato ideato da Gruppo Alcuni ed è realizzato in collaborazione con l’UNESCO Venice Office.
“CIAK JUNIOR” è un modo pratico e diretto per spiegare ai ragazzi come nasce e si sviluppa un prodotto audiovisivo, dalla stesura del soggetto fino alla realizzazione delle riprese, e allo stesso tempo per dar voce alle loro speranze, ai loro sogni, alle loro paure… I tre brevi film realizzati quest’anno in Italia parteciperanno alla finale del Festival Internazionale Ciak Junior di Cortina d’Ampezzo (BL) che sarà trasmessa da Canale 5 domenica 7 giugno.
Il primo appuntamento con “CIAK JUNIOR” vede protagonista il cortometraggio “DUE RAGAZZI E UN VELO”. Il soggetto per questo breve film – una riflessione sull’integrazione di culture differenti – è stato ideato da un gruppo di giovani studenti della scuola media di Bucchianico (CH).
Il breve film racconta una bella storia di integrazione possibile, a scuola e nella vita.
“Ti sei mai chiesto come la tua vita possa cambiare da un momento all’altro? Ad Amel è successo, nel giorno in cui è arrivata a scuola con un aspetto diverso dal solito. Nonostante questo, il suo compagno di banco Stefano non la vedeva tanto differente. Chi l’avrebbe mai detto che la sua vita sarebbe cambiata grazie al velo, che inizialmente sembrava un muro alla sua personalità?”
I giovani studenti di Bucchianico, nello scrivere il loro soggetto, si sono ispirati all’esperienza di una compagna che, unica in classe, il velo lo indossa davvero.
La storia che hanno scritto racconta di Amel e Stefano, in un dialogo a tre che dà voce anche al velo che la ragazza a un certo punto è costretta a mettere dai genitori per motivi religiosi. Solo Stefano riesce ad abbattere le barriere dell’apparenza e a cogliere ciò che veramente distingue una persona dall’altra. Grazie a Stefano, Amel riesce a reintegrarsi nella classe, e il velo che ha in testa diventa come inesistente, non fa alcuna differenza, e tra loro può forse nascere qualcosa più di un’amicizia…
Prima del film ci sono i momenti divertenti del backstage (qui il link per vederlo in anteprima: https://youtu.be/WKCy95mPDzA) che mostrano in che modo vengano “estratti” i nomi dei ragazzi che parteciperanno al film come protagonisti; il momento in cui la “vera” Amel che spiega in che modo si indossa correttamente il velo; la scrittura e il successivo racconto corale della sinossi del film. Dopo aver mostrato le bellezze del paese e alcune feste tradizionali si passa alla rubrica “Ciak Chef” dedicata alla cucina, in cui si mostra come preparare le tipiche “cancellate” dolci.
Nella parte dedicata al TALK i giovani abruzzesi parlano di integrazione tra culture differenti, e riflettono su come si sarebbero comportati loro se fossero stati costretti a indossare il velo: “Volenti o no, ci si sente diversi..:”, rispondono.
E alla domanda se “E’ giusto isolare qualcuno solo perché di cultura diversa?” i ragazzi controbattono convinti che “Se c’è qualcosa di diverso tra due persone di sicuro c’è anche qualcosa che li accomuna”.
Tutte le info e la possibilità di rivedere il film, il backstage e la trasmissione sulla pagina FB di Ciak Junior.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *