Atessa, Le (dis)avventure Gian Burrasca il 3 gennaio

Per l’ormai consueto appuntamento con il teatro pomeridiano dedicato ai ragazzi al di Jorio, a salire sul palco questa volta sarà la Compagnia Arterieteatro di Molfetta, con un classico tutto italiano, tanto amato quanto indimenticato, anche grazie alla cantante Rita Pavone che si fece carico di portare il personaggio dentro quella scatola magica, quale era considerata la tv di allora: Gian Burrasca.

Il racconto, liberamente ispirato al romanzo di Vamba. è un appuntamento organizzato dall’ACS Abruzzo Circuito Spettacolo, in collaborazione con il Comune di Atessa, che andrà in scena domenica 3 gennaio alle 17.00 al Teatro Comunale A. Di Jorio di Atessa.

Giannino Stoppani, soprannominato dai genitori “Gian Burrasca” è il figlio minore e unico maschio in una agiata famiglia fiorentina al principio del XX secolo. Essa è composta, oltre che dal ragazzo, dalle tre sorelle Ada, Luisa e Virginia, la mamma e il babbo. Quando compie otto anni la madre gli regala un diario, o “giornalino”, in cui comincia a scrivere tutto ciò che gli capita. In particolare vi annota le sue avventure, o meglio disavventure. Dopo tanti incidenti provocati da Giannino, sempre seguiti da punizioni, scappa di casa e si rifugia dalla zia Bettina, sorella del padre. Ma, anche qui, trova il modo di combinare disastri e la zia chiama il padre perché Giannino sia riportato a casa. Seguono altre avventure di Giannino fino a quella di rompersi un braccio durante una corsa in automobile con un coetaneo. Un po’ per curare il braccio e un po’ per allontanarsi da casa, Giannino va ospite a Roma, in casa della sorella Luisa, nel frattempo maritatasi col dott. Collalto. Ovviamente anche qui trova il modo di mettersi nei pasticci e di farne di tutti i colori. Nel frattempo anche Virginia si sposa con l’avvocato e politico socialista Maralli. Nel corso di un soggiorno con la coppia Giannino fa la conoscenza dello zio ricco di Maralli, il signor Venanzio, un vecchio sordo e rimbambito ma adulato per la sua potenziale eredità. Il bambino vi entra rapidamente in confidenza e arriva persino a giocarci assieme, fingendo di pescargli dalla bocca quando l’anziano sonnecchia in poltrona…. Neppure a dirlo, in arrivo altri guai per Gian Burrasca! Ma, queste sono alcune delle peripezie del piccolo Giannino, se volete conoscerle tutte, l’appuntamento è per domenica a teatro… Non potete mancare.

Biglietto unico € 5,00

Info e biglietteria

I biglietti possono essere acquistati a partire da un’ ora prima dello spettacolo c/o il botteghino del teatro

Pei info 0872/850421 oppure www.acsabruzzo.it

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *