Abruzzo, Festival Pietre che Cantano: gli appuntamenti dal 21 al 24 agosto

Volge a conclusione la XIV edizione del Festival Internazione di musica “Pietre che cantano”.  Dopo i concerti al Monastero di S. Spirito e alle Pagliare di Tione degli Abruzzi, il festival si conclude a Rocca di Mezzo, e a Francavilla al Mare luogo simbolo del sodalizio fra D’Annunzio e gli artisti abruzzesi.

La XIV edizione del Festival si è articolata in due cicli, al ciclo “Abruzzo primitivo, Abruzzo del mito”, che ha tratto spunto dalla rivisitazione dannunziana di paesaggi, tradizioni, riti popolari, appartiene l’ultimo appuntamento del 24 agosto (Francavilla al Mare – “Terra vergine”). L’altro ciclo “Verdi” si chiude il 22 agosto con il concerto del celeberrimo Quartetto di Cremona.  Il 21 agosto a Rocca d Mezzo D’Annunzio e Verdi si incontrano in “Metamorfosi”. Il Festival Internazionale di musica Pietre che cantano, negli ultimi appuntamenti della XIV Edizione torna  a D’Annunzio e ai  150 anni dalla sua nascita. Sono, i 150 anni dalla nascita di Gabriele D’Annunzio, una importante occasione per Pietre che cantano.

Il direttore artistico Luisa Prayer ha fortemente voluto sottolineare questa significativa ricorrenza che: “si è posta come occasione tematica fortissima: D’Annunzio è stato appassionato cantore del paesaggio e dei costumi del popolo d’Abruzzo. Accolto giovanissimo dal pittore Francesco Paolo Michetti  a Francavilla al Mare, nel suo Cenacolo, luogo di sperimentazione artistica di grande attualità, soprattutto nel compiersi di un rapporto vero tra le diverse arti,  egli restituì alcune tra le sue cose migliori proprio nelle pagine dedicate ad una terra sentita da lui, e dagli artisti del Cenacolo, tra cui il compositore Tosti e  gli scultori Barbella e D’Antino, come fonte primigenia di ispirazione. Una ispirazione rivelatrice delle connessioni più pregnanti tra natura, mito, tradizioni, e arte.”

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *