Abruzzo, arrivano altri 2 nuovi progetti petroliferi nell’adriatico: i ricorsi come Colle dei Nidi non possono sostituirsi alle funzioni della Regione

Una nuova richiesta di prospezione nell’Adriatico abruzzese è arrivata dalla società Spectrum Geo e il Ministero – a causa e in forza dei mancati rilasci delle intese da parte della Regione Abruzzo – l’ha accolta con decreto di compatibilità ambientale.

Le attività di ispezione saranno effettuate con la tecnica dell’air-gun: praticamente ogni 5 – 10 minuti vengono emessi spari fortissimi e continui di aria compressa sul fondale marino per estrarre dati sulla composizione del sottosuolo.

Questo non avrebbe dovuto mai accadere perché esiste la risoluzione votata dal Consiglio Regionale che risale a più di 50 giorni fa con la quale si impegna il Presidente D’Alfonso a chiedere al Governo l’abrogazione dell’art. 35 del Decreto Sviluppo, quello che ha ridato vita a progetti già cadaveri (cioè valutati, dibattuti e archiviati) come Ombrina mare ed Elsa 2.
CONTINUA A LEGGERE
FONTE: www.ageabruzzo.it

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *