Villa Livia Ospita i Dik Dik per una serata all’insegna del revival e, fa il pienone

Da una intesa con i Borghi d’Eccellenza, legati da amicizia personale con Pietruccio,storica chitarra e voce del gruppo, camminatore ed estimatore dei Borghi Italiani, e gli impresari Massimo Di Francesco e Pasquale Lombardi, visto l’interesse crescente della proprietà della stupenda struttura “ Villa Livia “, dell’attento e sempre più punto di riferimento per eventi e cerimonie, Massimo Mastrangelo, nel proporre eventi di qualità per dar lustro ad un Molise turistico, sempre più degli imprenditori, vista l’atavica assenza della politica nella programmazione e nella scelta non condivisa delle strategie per un rilancio del settore,domenica sera , proprio nella splendida location della sala ricevimenti, si sono esibiti, dinanzi ad un pubblico, in esibilio, formato di giovani e non più giovani, i Dik Dik.

Storica band italiana nata nel lontano 1965 e che ancor oggi riesce ad emozionare con le loro canzoni che hanno accompagnato gran parte della vita dei 50 enni.

L’isola di Wight, Io mi fermo qui, il primo giorno di primavera,senza luce, viaggio di un poeta ed è stata subito una serata magica.

Pietro Montalbetti, per gli amici Pietruccio, Giancarlo Sbriziolo( Lallo ), Erminio Salvaderi ( Pepe ), accompagnati da Marco alle tastiere e Giulio alla batteria, hanno ripercorso la loro storia e di conseguenza , la nostra, con una tale grinta da rendere la serata un trionfo ed un rielaborare le emozioni ed i momenti della vita di ciascun ospite ,suscitando un pizzico di amarezza per gli anni passati e che non torneranno più.

Una platea decisamente importante per una serata che ha regalato, oltre che al buon cibo Molisano, una dose di sensazioni vere e di sincera emozione alle note dei successi e del revival dell’indimenticato Battisti.

Che il vino vecchio sia buono è notorio e, grazie ai Dik Dik, la serata ha avuto quella giusta empatia che ha suscitato una curiosa ed armonica simbiosi tra il territorio e la musica stessa. Il bello sposa il bello.

L’impasto delle voci, la melodia trascinante e le soluzioni musicali, ha da subito infiammato la sala alle note di Sognando California sino al finale travolgente e significativamente a luci spente “ Senza Luce “.

E poi, come per auspicio ad una regione che merita sicuramente di più e mai così attuale “ Help me ! “.

Presto un nuovo album anticipato da un disco in vinile ed un ritorno per Pietruccio come scrittore e testimonial dell’avventura a cavallo sui sentieri da Milano a Roma sino ad Altilia.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *