Un grande Architetto abruzzese dimenticato: GUERINO SALERNI

Guerino Salerni nacque a Salle (Pe) il 3 novembre del 1905. Il padre e la madre erano emigrati negli Stati Uniti quando lui era poco più che un bambino.  Guerino proveniva da una famiglia di scalpellini e pur piccolino aveva già saputo, grazie agli insegnamenti del nonno,  costruire alcune casa di pietre nei campi.  Ma nel 1919, il padre di Guerino decise che era tempo per il resto della famiglia di raggiungerlo e a lui non rimase che salutare il suo amatissimo nonno Luigi. Dopo tanti anni diceva: “ sento ancora sulle guance le lacrime di mio nonne che mi abbracciava. Non lo avrei ma più rivisto”. Al suo arrivo ad Ellis Island  il giovane Guerino, pur non avendolo visto da cinque anni, riconobbe subito suo padre e la prima domanda che li fece fu “dov’è la mamma ? dov’è la mamma ?”. Il pianto del padre gli consegnò la triste notizia: sua madre era morta. Il piccolo Guerino trascorse ad Ellis Island dieci giorni in osservazione a causa di alcuni casi di tifo segnalati sulla nave che lo aveva portato in America.  Dopo un periodo di estrema difficoltà il giovane Guerino si mostrò invece pronto a vivere la nuova realtà. Imparò in fretta lingua, metodi ed usanze di questo grande paese. Qualche anno dopo conobbe una ragazza italo- americana Married Lucy Manieri e la sposò. Da questo matrimonio nasceranno tre figli: Rosemarie, Robert e Thomas. Nel frattempo grazie ad una spiccata intelligenza e ad una ferrea volontà di arrivare Guerino diverrà poi un affermato Architetto  lavorando su una serie di importantissimi progetti a New York, tra cui la costruzione di East River Drive. Non dimenticò mai il suo Abruzzo e ne rivendicò sempre con fierezza l’origine. Morì il 31 marzo del 1997 e tutti i più prestigiosi giornali ne ricordarono la figura.

Geremia Mancini – Presidente Onorario Associazione culturale “Ambasciatori della fame”

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *