Teramo, spettacolo tragicomico “La mia cantina là sotto” il 18 marzo

Si chiama “La mia cantina là sotto” lo spettacolo tragicomico, di Nancy Fazzini ed Emanuela Cichella in collaborazione con la Musical italian company, che debutterà venerdì 18 marzo alla sala polifunzionale della Provincia di Teramo alle ore 18,15 con la pomeridiana e alle ore 21,30 con la replica serale. Lo spettacolo, liberamente tratto dai “Monologhi della Vagina” di Eve Ensler, prende vita dalla penombra di una cantina che proietta immagini e frammenti di donne che, nella solitudine e nella sicurezza della loro ‘cantina’ ritrovano la libertà di raccontarsi. Di solito nella cantina riposano, tra gli oggetti dimenticati, sogni, paure e vecchie speranze. Ritornandoci dopo parecchi anni – scrivono Nancy Fazzini ed Emanuela Cichella nel presnetare lo spettacolo – spesso è lo stupore ad accoglierci e a farci vivere emozioni nuove che ci portano a scoprire qualcosa di noi: del nostro passato, presente e futuro. Lo spettacolo offre la possibilità di affrontare un percorso di scoperta, o meglio di riscoperta, dell’universo femminile. Con ironia, ingenuità, spregiudicatezza e coraggio – proseguono – le attrici in scena vogliono far emergere tutta la femminilità di una donna che, anche se alle volte frantumata dal dolore e da esperienze negative, riesce a reinventarsi e ad affermarsi nella sua integrità. Uno spettacolo che non vuol essere un inno al femminismo – osservano – ma la scoperta di un’idea di donna che forse riposa in cantina; un’idea concepita nel particolare attimo in cui siamo colte dallo stupore vaginale e che crea il desiderio di gridare la propria identità , di ricomporla in tutte le sue parti e le più piccole sfumature. Come davanti ad un dipinto – concludono Fazzini e Cichella – osserviamo la bellezza di un’esperienza unica e irripetibile: quella della scoperta di sé. Riscoprendoci torniamo di nuovo in vita, passando dal buio della cantina alla luce del nostro giardino”. Le musiche sono di Natasha Tancredi.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *