Sulmona, l’acquedotto medievale diventa opera d’arte contemporanea

Monticelli&Pagone creano un’opera d’arte unica tra passato e presente. l’acquedotto medievale di Sulmona AQ tra i più belli e antichi d’Italia diventa un’opera d’arte contemporanea nell’ambito del bimillenario della morte di Ovidio. Gli artisti Monticelli e Pagone in collaborazione con il comune di Sulmona,La DMC terre d’amore in Abruzzo, l’associazione culturale Muntagninjazz per Open Day Abruzzo,B&B Sei Stelle hanno allestito un’opera d’arte pubblica in un contesto storico bellissimo e antico, l’arte contemporanea che dialoga con l’architettura del passato con un risultato stupendo.

Il progetto nasce attorno all’idea di unire la storia e la bellezza antica alla visione contemporanea dell’arte ed al suo integrarsi in contesti storico culturali. l’acquedotto medioevale di Sulmona sarà il palcoscenico naturale di una suggestiva e imponente installazione foto pittorica del duo Monticelli&Pagone, declinata sulla ricerca e rivisitazione dei miti delle Metamorfosi del poeta Ovidio. 13 lunette delle 21 arcate dell’acquedotto saranno lo spazio architettonico ideale per una rappresentazione contemporanea di 13 miti ovidiani presenti nelle Metamorfosi. Nella numerologia il 13 rappresenta l’Alchimista e risulta in stretta relazione con l’universo dei sensi e delle forme. Contiene in sé il principio dell’ineluttabilità del cambiamento, il significato della metamorfosi ovidiana.L’opera che avrà impatto visivo originale e dirompente potrà essere ammirata sia dalla piazza Garibaldi sia dal corso soprastante essendo bifacciale e resterà per tutta la durata delle rappresentazioni del bimillenario della morte del poeta Ovidio.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *