Presentato il terzo congresso SINVE

sinveSi è tenuta questa mattina presso la presidenza dell’Istituto di Istruzione Superiore Crocetti – Cerulli di Giulianova (TE) la conferenza stampa di presentazione del Terzo Congresso Nazionale della Società Italiana di Nutrizione Vegetariana, che si terrà i prossimi 25 e 26 novembre al Centro congressi Kursaal di Giulianova. Un programma ricco e articolato che l’attuale presidente SINVE, il Dott. Paolo de Cristofaro ha presentato insieme al preside dell’Istituto comprensivo Crocetti – Cerulli Luigi Valentini attraverso un’ampia riflessione sulle ragioni che motivano la scelta alimentare vegetariana e le domande che questa pone alla comunità medico-scientifica e ai professionisti della ristorazione.

Per quasi due giorni oltre quaranta relatori si alterneranno in cinque sessioni congressuali, che spaziano dalle posizioni scientifiche sul vegetarismo ad argomenti di attualità come la refezione scolastica; dal vegetarismo come elemento di cultura e integrazione, analizzato nelle sue declinazioni dall’arte alla gastronomia fino alle problematiche legate alla formazione del personale sanitario, interessato a comprendere il fenomeno veg sia dal punto di vista strettamente medico che psicologico e comportamentale.

“È importante capire – sottolinea De Cristofaro – che il modello alimentare vegetariano fa parte della nostra cultura da sempre poiché coincide all’80% con la dieta mediterranea, e il congresso si pone prima di tutto l’obiettivo di portare a conoscenza di tutti questo dato chiedendo alla comunità scientifica di adottare un atteggiamento inclusivo nei confronti del vegetarismo e di chi lo ha pratica come stile alimentare. La SINU – Società Italiana di Nutrizione Umana ha diffuso nel 2015 un importante documento sulle diete vegetariane, che presenteremo durante il congresso e che dà importanti raccomandazioni medico-scientifiche a chi voglia abbracciare la scelta veg. Il problema delle fonti certe e di un’assistenza sanitaria adeguata è un tema che riteniamo necessario affrontare e che richiede uno sforzo conoscitivo a tutta la comunità scientifica e ai professionisti del settore: come SINVE vogliamo promuovere dei corsi di formazione sul territorio per il personale sanitario con l’obiettivo da una parte di aumentare la conoscenza e il livello di assistenza erogato, dall’altra di creare delle vere e proprie reti professionali che seguano linee di comportamento accreditate e condivise per rispondere alla crescente domanda vegetariana.”

Di qui la sinergia con l’Istituto Alberghiero Crocetti di Giulianova: come conferma il preside Luigi Valentini, “vogliamo formare i nostri studenti ad una sensibilità verso modelli alimentari differenti, fornendo le conoscenze necessarie a costruire un’offerta gastronomica di qualità anche vegetariana perché sono loro i futuri professionisti della ristorazione. Come istituto alberghiero è nostra intenzione svolgere un ruolo attivo nella promozione di una gastronomia vegetariana di qualità: abbiamo già iniziato questo percorso anni fa in collaborazione con il team del Dott. De Cristofaro, i nostri ragazzi hanno seguito un corso di cucina vegetariana tenuto dalla chef Emanuela Tommolini e gli insegnanti hanno seguito un corso di formazione sul vegetarismo esteso poi a tutti gli istituti alberghieri della regione. Nel 2015 abbiamo vinto il primo premio del concorso culinario “Timballo. Una grande cucina”, bandito dal comune di Campli (TE) per una rilettura interculturale del classico timballo teramano che i nostri ragazzi hanno trasformato in versione vegetariana creando un inedito Timbascous. Da questa esperienza è stato tratto il cortometraggio Timballo, sceneggiato da Pietro Albino di Pasquale con la regia di Maurizio Forcella che sarà presentato in anteprima al congresso”.

Il congresso punta l’attenzione sul ruolo sinergico e non antagonista del modello vegetariano nei confronti della dieta mediterranea: a questa considerazione dovrebbe seguire una diversa concezione della gastronomia vegetariana rispetto a come l’abbiamo vista finora. “Quella vegetariana non è una gastronomia minore, ma dobbiamo imparare a conoscerla e a svilupparla. Il tema – continua De Cristofaro – non è solo mangiare prodotti bio, sani, di qualità, etc.: mangiare sano non significa solo mangiare prodotti biologici o a km zero, così come mangiare vegetariano non significa banalmente sostituire la carne con una bistecca di soia. Alimentarsi in maniera sana e, per chi vuole, vegetariana, significa adottare un modello alimentare integrato all’interno del quale ogni alimento concorre ad apportare alcuni nutrienti che, messi insieme, definiscono uno stile alimentare sano e benefico”.

Il Terzo congresso della Società Italiana di Nutrizione Vegetariana si svolgerà al Centro congressi Kursaal, Lungomare Zara 5 a Giulianova (TE) a partire da venerdì 25 novembre alle ore 8,30.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *