Presentata la nuova edizione del PeFest, Pescara International Arts Festival

ConferenzaE’ stata presentata questa mattina nella sala Consiliare del Comune la 64esima stagione dell’EMP, Ente Manifestazioni Pescaresi, ovvero la nuova edizione del PeFest, Pescara International Arts Festival.

“Abbiamo aperto un cantiere – ha commentato l’assessore Di Iacovo – che ha portato a una modifica dello statuto dell’Emp, grazie al quale si procederà a una riforma dell’ente stesso. Nonostante il lavoro capillare sulla struttura, non abbiamo fermato il lavoro sulla città. L’Emp è andato avanti e ci presenta oggi un programma ricchissimo, di altissimo livello. Sono molto felice di aver partecipato a questo lavoro che, seppur difficile, servirà a rendere ancora più importante la proposta artistica che questo calendario dimostra”.

Dello stesso avviso il primo cittadino: “Per garantire la messa in moto della nuova manifestazione abbiamo dovuto lavorare molto – ha affermato il sindaco Marco Alessandrini – abbiamo dovuto fare i conti con la questione finanziaria. Ma abbiamo speso volentieri le nostre energie perché il Pescara International Arts Festival è un fiore all’occhiello della programmazione cittadina”.

De Ritis

De Ritis

Il presidente De Ritis, prima di illustrare il programma, ha sottolineato come l’Ente sia l’unico in grado, da oltre 60 anni, di mettere a punto un’offerta culturale che unisce qualità ed esclusività.

“Nel corso degli anni la città ha saputo accogliere numerose iniziative, il nostro festival è però in grado di far incontrare esperti del settore, appassionati, professionisti da tutto il mondo, in un teatro, che è anche monumento della città”.

Lucio Fumo, storico direttore del Pescara Jazz, è poi passato alla musica afroamericana affermando:

“questa sarà un’edizione di quelle che piacciono a me”, come a sottolineare il carattere puro delle scelte artistiche. Attesi anche quest’anno grandi nomi in città. Fumo ha poi annunciato pubblicamente che questo sarà il suo ultimo festival.

Fumo

Fumo

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *