Pescara,”Storie delle idee sull’amore” il 17 marzo

Domani, giovedi 17 marzo alle ore 17,30 al Mediamuseum di Pescara nuovo appuntamento con “Attualità culturale in dialogo” promosso dall’Istituto nazionale di Studi crociani e la Fondazione Edoardo Tiboni per la cultura. Marco Presutti e Giovanbattista Benedicenti insieme a Claudio Amicantonio converseranno sul tema “Storie delle idee sull’amore”prendendo spunto dal libro “L’amore filosofo” di Manuel Cruz: l’idea dell’amore, presente nel discorso filosofico fin dalle origini, si è evoluta adattandosi ai contesti storici e sociali, assumendo diverse forme e funzioni, senza perdere mai il proprio ruolo di primo piano nella sfera dei condizionamenti culturali. Ma come si legano queste forme dell’idea dell’amore all’esperienza amorosa? Come hanno amato i filosofi che riflettono sull’amore? Manuel Cruz ricostruisce le vicende esistenziali di alcune grandi figure della storia del pensiero, di cui è noto non solo l’interesse verso l’amore in quanto tema, ma anche il coinvolgimento personale nelle relazioni amorose. L’amore è percepito come l’esperienza universale per eccellenza. Pur declinandosi in modi molto diversi, alcune sue caratteristiche sono, per cosí dire, «costitutive»: le esperienze del desiderio, dell’innamoramento e della passione rivelano, in tutte le epoche, la stessa forza dirompente, totalizzante, irrazionale. Ma, al contempo, portano in sé i semi dell’evanescenza e dell’ambiguità. Il che rende complesso parlarne, scriverne, spiegare. Proprio per questo risulta particolarmente prezioso l’apporto dei «pensatori di professione» presentati in questo libro. Secondo la prospettiva di Cruz, l’idea che abbiamo oggi dell’amore contiene dunque non solo il pensiero, ma il vissuto di chi ci ha preceduto: è la somma dell’amore come fonte di energia, pensato da Platone; del senso di colpa di cui soffriva sant’Agostino; della passione erotica esemplificata da Abelardo ed Eloisa; dell’amore come necessità, presupposto da Spinoza; dell’amore come impossibilità, vissuto da Nietzsche; degli esperimenti di Sartre e Simone de Beauvoir; della fusione appassionata conosciuta da Hannah Arendt; dell’amore come risultato di pratiche sociali, messo in luce da Foucault. Manuel Cruz dà conto di questa complessa eredità arrivando, in conclusione, a denunciare le contraddizioni e le lacerazioni che caratterizzano il sentimento amoroso nel mondo di oggi, cosí saturo di parole sull’amore.

L’autore è professore di Filosofia contemporanea all’Università di Barcellona. Ha insegnato in diversi atenei europei e americani ed è stato ricercatore all’Istituto di filosofia del Consejo Superior de Investigaciones Cientificas di Madrid.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *