Pescara, presentata mostra L’eredità di Falcone e Borsellino

mostra2Dopo l’inaugurazione all’Aquila (Istituto Leonardo Da Vinci-Colecchi) a fine anno scolastico, è stata presentata ieri a Pescara, nell’auditorium dell’Ipsiasar “De Cecco”, la mostra itinerante dal titolo: “L’eredità di Falcone e Borsellino. Con 150 foto viene raccontata la storia dei due magistrati dall’adolescenza all’ingresso in magistratura, fino alla nascita del pool antimafia e infine alle stragi del 1992. La mostra è stata promossa dall’Ansa e dal Miur e sarà visitabile fino al 29 ottobre. All’inaugurazione sono intervenuti, fra gli alti, il sottosegretario alla Giustizia, Federica Chiavaroli, il sindaco di Pescara Marco Alessandrini; Il direttore dell’Ufficio scolastico regionale, Ernesto Pellecchia, il presidente della Provincia, Antonio Di Marco; il presidente dell’associazione Falcone e Borsellino, Gabriella Sperandio. L’iniziativa, inserita nell’ambito della 21esima edizione del Premio Nazionale Borsellino, vuol essere un tentativo di trasferire ai ragazzi i valori che incarnavano Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. “Credo che questo sia il modo migliore per ricordare Borsellino e Falcone e tutti coloro che hanno perso la vita perché sono un esempio per i nostri giovani – ha commentato il sottosegretario Federica Chiavaroli – per l’impegno che hanno profuso nella lotta alla Mafia e alla criminalità organizzata. Non è importante soltanto la repressione di questi fenomeni, ma è fondamentale un’azione di prevenzione che si può fare solo con le scuole e nelle scuole. É importante dunque avviare questo movimento culturale raccontando la storia di queste vite per scegliere da che parte stare, nel rispetto delle regole, del bene e del giusto>. <E’ fondamentale che la scuola possa sempre di più sviluppare progetti sul tema della educazione alla Legalità – ha aggiunto il direttore USR Pellecchia – L’auspicio è che questa mostra possa essere visitata da quante più scolaresche possibile; ci impegneremo per veicolare l’importanza di questa iniziativa>. Il direttore ha rivolto un ringraziamento particolare alla dirigente del De Cecco, Alessandra Di Pietro per aver ospitato la mostra. Sono stati infatti gli studenti che frequentano l’indirizzo di Ricevimento dell’Istituto a presentare con competenza la mostra ai primi visitatori.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *