Pescara Original Sound Track

Dal 26 ottobre al 2 Novembre va in scena l’Abruzzo Open Day winter 2016, un tour di eventi, attività e iniziative dislocate per la regione con la finalità di promozione turistica. Pescara darà un contributo capace di unire musica e cinema e i luoghi dedicati presenti in città all’Abruzzo Open Day che partirà il prossimo 28 ottobre. Il contributo della città è racchiuso in quattro lettere, si chiama P.O.S.T., Pescara Original Sound Track, il programma delle iniziative presentato stamane in conferenza stampa in presenza del sindaco Marco Alessandrini, degli assessori al Turismo e Grandi Eventi Giacomo Cuzzi e alla Cultura Giovanni Di Iacovo, del direttore del Dipartimento Turismo, Cultura e paesaggio della Regione Abruzzo Giancarlo Zappacosta, dalla consigliera Daniela Santroni e dalle associazioni partner (Musikstrasse, IndieRocket, Mente Locale, Tactus Fugit, Pescara Vecchia).

“P.O.S.T. offre in pochi giorni una visione completa e coinvolgente della città, della sua identità e della sua vocazione contemporanea intrecciando musica, enogastronomia, arte e visual – dice il sindaco Marco Alessandrini salutando la programmazione cittadina – L’Amministrazione presenta un vero e proprio percorso emozionale, dai musei alle zone dell’enogastronomia. Originale il comune denominatore che li lega, l’unione fra musica e cinema e anche il contest che prenderà vita nei luoghi cittadini più vicini a questi mondi e regalerà, come spiegheremo, una colonna sonora alla città”.

“Un grazie va alla Regione che ha dato la possibilità di aderire all’iniziativa dell’Abruzzo Open Day per la messa a sistema della promozione turistica regionale – illustra la consigliera Daniela Santroni che ha seguito il progetto – Il Comune ha partecipato ad un bando con i partner del territorio più solleciti e con maggiore anzianità. L’idea era quella di presentare Pescara attraverso una vetrina dei luoghi di maggior ritrovo e attrazione della città. Abbiamo usato l’iniziativa della mostra dedicata al compositore Cesare Andrea Bixio e una serie di eventi collaterali che si animeranno nella settimana dell’Open Day. Parallelamente a questo si sviluppa il connubio fra luoghi, musica e cinema.

L’idea è quella della costruzione di una colonna sonora di Pescara, per questo Pescara Sound Track, lo faremo attraverso un contest che interessa sei luoghi caratteristici dove ci saranno dei totem in cui chiunque potrà associare al luogo una canzone ispirata da quella parte di città, le canzoni che avranno più preferenze contribuiranno a creare la colonna sonora di quel luogo dove attraverso una targa e un QR code si arriverà alla canzone. I nostri riferimenti sono due realtà che mettono insieme questo binomio, il Festival delle Letterature e l’Indie Rocket. Inoltre il 31 ottobre si animerà il anche centro storico e per il settore contenuti abbiamo organizzato un convegno nazionale su un caso studio qual è quello della Città della musica, la struttura sarà oggetto prima di un sopralluogo e poi di un workshop da cui si tenterà di costruire un progetto di fattibilità per il suo futuro e per un indotto dedicato”

“L’Open Day nasce come iniziativa di promozione e accoglienza mai tentata prima in Italia su scala regionale – dice il direttore del Dipartimento Turismo, Cultura e paesaggio della Regione Abruzzo Giancarlo Zappacosta – che vuole essere un grande esempio di azione sistemica. Grazie alla collaborazione con i veri soggetti intermedi fra Regione e territorio, ovvero le DMC e gli operatori, saranno oltre 200 gli eventi e le esperienze che animeranno la Regione in modo coordinato. Sarà un numero zero, anticipato rispetto alla programmazione prevista per il prossimo inizio estate, abbiamo avuto un nuovo sold out di eventi, sono in arrivo grandi marchi del comparto turismo: l’operazione che punta al massimo, propone un turismo emozionale ed esperienziale, offerta che si articola dai monti ai parchi alla costa, puntando sulle vocazioni tipiche del territorio”.

“Mettere a sistema l’offerta per fare della vocazione turistica una mission – aggiunge l’assessore a Turismo e Grandi Eventi Giacomo Cuzzi – E’ l’anteprima di quello che dovrà accadere in estate. E’ importantissimo il ruolo delle DMC, che da contenitori vuoti diventano strumento di efficienza ed efficacia dell’azione amministrativa. Anche questa è un campo di prova per l’azione politica. Su Pescara abbiamo puntato i riflettori sulla musica e sul cinema, chiamando a raccolta le manifestazioni più innovative quali Fla e Indie Rocket, per costruire la colonna sonora dei luoghi della città. Vogliamo creare incoming e far girare l’immagine e i talenti della città concentrando su Fla e IndieRocket la sinergia, eventi che significano molto per Pescara perché riescono a portare a migliaia di persone e servono a creare nuove economie. Lo facciamo aggiungendo Piazza Muzii alla location storica dell’enogastronomia, quella del centro storico coinvolta nell’evento. Nel mercato di piazza Muzii collocheremo l’opera d’arte creata da Zino per l’IndieRocket Festival. Un ringraziamento va alla Regione, con la promessa di candidarci a fare grandi cose per l’estate e perché Pescara diventi un riferimento per l’incoming d’Abruzzo per il futuro”.

“Nella programmazione del futuro vanno mantenute le cose che funzionano, ma va sicuramente ampliata l’offerta culturale in tutte le sue declinazioni – conclude l’assessore alla Cultura Giovanni Di Iacovo – L’idea di fare un lavoro in progress ci ha condotto fino alla scelta di creare colonne sonore dei luoghi pescaresi. Questo evento con la mostra su Bixio al Colonna crea interazioni fra musica e cinema che sono riferimenti storici per la città. Creare una partecipazione intorno a questi temi trovo sia un elemento che va in tale direzioni e credo possa dare grandi sorprese per il contest che lanceremo. Individuare iniziative nuove è una cosa importante, basarsi su quello che Pescara ha già mostrato come interesse e partecipazione è quello che abbiamo fatto. Il cinema e la musica sono importanti: per il cinema c’è la tradizione del Flaiano, ma siamo anche la città dove un giovane sceneggiatore ha creato una fiction Adriatica. Così per la musica, passiamo dalla tradizione di Pescara Jazz, all’innovazione dell’IndieRocket Festival, diventato un riferimento di generi musicali anche da fuori Italia”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *